Compie 50 anni Christopher Nolan. 50 anni di cui gli ultimi venti vissuti regalandoci numerosi capolavori che hanno di lui uno dei registi con i maggiori incassi della storia del cinema per un totale di 4,754 miliardi di dollari incassati al botteghino. Ultimamente c’è grande attesa per il suo nuovo film “Tenet” in uscita il 26 agosto in tutte le sale cinematografiche italiane.

Il cinema di Christopher Nonal

Sin dai tempi del primo cult “Memento” appaiano evidenti i temi portanti della cinematografia di Christopher Nolan come il gusto per una narrazione non lineare e per una prospettiva materialistica permeata da tempi epistemologici e metafisici. In tutti suoi film, come l’acclamata trilogia del “Cavaliere Oscuro”, appaiono personaggi formati da un’identità fortemente malleabile segnata da un conflitto interiore. Un conflitto che, attraverso le più svariate tematiche come la vendetta, viene sempre raccontata da Nolan con assoluto realismo. Anzi il grande regista inglese scava nelle storie da lui raccontate fino a farne emergere il confine tra la realtà e la sua percezione insito nei suoi stessi personaggi. Storie segnate da un forte rapporto tra linguaggio visivo ed elementi narrativi.

Il trailer di Tenet

Aspettando l’arrivo di Tenet

Dopo che finalmente con molto ritardo Nolan ha ricevuto la prima candidatura agli Oscar per la regia per “Dunkirk , cresce l’attesa per il suo nuovo film “Tenet” che arriverà in Italia il 26 agosto. Anche in questo caso Nolan ci prepara a stupirci preparando un viaggio crepuscolare tra spazio tempo in cui i protagonisti dovranno impedire a tutti i costi lo scoppio della terza guerra mondiale. Anzi si parla di una vera e propria inversione temporale che rispetterebbe appieno la struttura non lineare dei film di Nolan. Anzi il regista londinese potrebbe spingersi oltre i confini metafisici segnati da un altro capolavoro come “Inception” dove il sogno la fa da padrone sostituendosi alla realtà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA