Sport

Ciclismo su pista, inseguimento a squadre azzurro dai due volti

Anche nel ciclismo su pista è arrivata la prima medaglia azzurra e probabilmente in modo apparentemente inaspettato. Ad indossare un importantissimo argento è stata infatti la formazione femminile dell’inseguimento a squadre, che si è dovuta arrendere solo davanti ad una Germania campione di tutto. Male invece la squadra maschile che non è riuscita a sopperire alle assenze dei suoi big. Andiamo dunque a rivedere ciò che è successo e gli appuntamenti di oggi.

Argento storico per le cinque azzurre

Ciclismo su pista
Azzurre d’argento nell’inseguimento a squadre – Italia Team | Twitter

Esatto, ben cinque argenti e non quattro, perché Martina Fidanza ha preso parte alle qualifiche e quindi la medaglia spettava di diritto anche a lei. In finale il quartetto è stato composto da Rachele Barbieri, Vittoria Guazzini, Letizia Paternoster e Silvia Zanardi, che hanno davvero sfiorato l’impresa contro la Germania. Avanti per più di metà gara, sono venute un po’ a mancare nel finale, in cui la tattica tedesca si è rivelata vincente.

C’è davvero poco però da rimproverarsi perché si sta pur sempre parlando di una Germania che è attualmente campione mondiale ed olimpica. Inoltre al momento detiene anche il record mondiale fatto registrare proprio a Tokyo. La pista di ieri, seppure si sia rivelata piuttosto lenta, ha regalato spettacolo e ottime sensazioni alla squadra azzurra. I tempi conclusivi sono stati di 4’11”571 per le azzurre contro il 4’10”872 delle tedesche. Ma se da un lato troviamo la selezione tedesca a fine ciclo, al contrario quello azzurro invece sta prendendo il via proprio adesso. Di conseguenza, tutto lascia ben sperare per un futuro veramente florido.

Ciclismo su pista, male la formazione maschile

Non vi è stata alcune gioia per la formazione maschile invece, uscita al primo round contro la Danimarca e che ha fatto capire di non essere pronta a fare a meno di Filippo Ganna. Il corridore sarà infatti impiegato nel ciclismo su strada. Bisogna dunque voltare immediatamente pagina e puntare diritti al mondiale che prenderà il via a metà ottobre. Resta comunque un po’ di amaro in bocca dopo il dominio che era stato messo in piedi nello scorso anno tra mondiali ed Olimpiadi.

Appuntamenti odierni

In serata si torna in pista per le medaglie, in particolare con occhi puntati su Letizia Paternoster che sarà impegnata nella corsa ad eliminazione prevista per le 19.46, mentre Mattia Pinazzi sarà protagonista nello scratch 15km. Negli inseguimenti individuali, occhi puntati su Vittoria Guazzini e Silvia Zanardi, mentre al maschile sono pronti Davide Plebani e Manlio Moro.

Nelle gare appena disputate Matteo Bianchi e Daniele Napolitano si sono guadagnato un posto ai sedicesimi di finale dello sprint. Infine, Elena Bissolati e Miriam Vece proveranno a conquistarsi un posto in finale nel Time Trial 500m.

Maria Laura Scifo

Seguici su Metropolitan Magazine

Crediti foto

Back to top button