Cinema

“Contagious – Epidemia mortale”, stasera in tv il film post apocalittico con Arnold Schwarzenegger

Andrà in onda oggi alle 21 su Iris ContagiousEpidemia mortale“, il film post apocalittico che vede Arnold Schwarzenegger come protagonista. L’ex governatore della California non ha bisogno di presentazioni, tra i tanti film suoi ricordiamo: la saga di “Terminator” (escluso il quarto capitolo), “Atto di forza” e “Predator“. Non solo, il film si avvale anche di Abigail Breslin, candidata al premio Oscar come miglior attrice non protagonista per “Little Miss Sunshine” (di Jonathan Dayton e Valerie Faris) nel 2007. Ci ha pensato Henry Hobson a dirigere “Contagious – Epidemia mortale” che, tra l’altro, è il film che segna il suo debutto registico. Fino a quel momento, infatti, Hobson si era fatto conoscere grazie alla regia di alcuni spot pubblicitari.

Trama di “Contagious – Epidemia mortale”

Quando si diffonde in America un virus letale che trasforma gli esseri umani in zombie, il governo decide di attuare un rigido protocollo: le persone affette dal virus devono essere isolate in un reparto speciale appositamente creato. Tra le persone infettate è presente Maggie (Abigail Breslin), figlia del vedovo Wade Vogel (Arnold Schwarzenegger). Dal momento che quest’ultimo non vedeva sua figlia da anni, ora è intenzionato a passare il resto dei giorni con lei.

L’attore austriaco naturalizzato statunitense, si è assunto in questo caso anche la responsabilità produttiva. Difatti, tale prodotto audiovisivo era stato messo nella nota Black List, recipiente delle migliori sceneggiature non ancora adattate al cinema. Nessuno aveva il coraggio di investire su un film horror che si focalizzava prettamente sugli aspetti emotivi “snobbando”, dunque, quelli paurosi. È stato proprio Arnold Schwarzenegger a voler realizzare a tutti costi “Contagious – Epidemia mortale“, recitando e producendo il film allo stesso tempo.

Il film di Hobson è uscito nel 2015 ed è stato distribuito dalla M2 Pictures.

Jacky Debach

Seguici su

Facebook, InstagramMetròLa Rivista Metropolitan Magazine

Adv

Related Articles

Back to top button