Attualità

Copia della Costituzione americana venduta per 43 milioni

È stata venduta ad un’asta a New York una copia rarissima della costituzione americana. La vendita è avvenuta per 43 milioni di dollari. È un record per la vendita di un documento storico. Acquirente sconosciuto sbaraglia la concorrenza di un gruppo di investitori di cripto valute.

Record per la vendita di un documento storico: 43 milioni per la Costituzione

Il collezionismo per alcuni è un hobby, per altri una passione, per altri ancora una vera e propria necessità. Collezionare oggetti preziosi per poi poterli ammirare e tramandare ai propri eredi, per qualcuno, è un onore oltre che un piacere. Anche se questo piacere ha un costo di 43 milioni di dollari.

C’è chi collezione francobolli, chi monete antiche e chi, come il collezionista privato che ha acquistato una copia della Costituzione americana per 43 milioni di dollari, documenti storici.

Sotheby’s, famosa casa d’arte americana, ha venduto il rarissimo pezzo ad un acquirente sconosciuto, un collezionista privato. Quest’ultimo ha sbaragliato con la concorrenza facendo un’offerta incredibile e segnando un nuovo record per la vendita di un documento storico. La sua offerta ha persino superato quella di un gruppo di investitori di cripto valute chiamato CostitutionDao.

La cifra della transazione ha lasciato tutti a bocca aperta. Persino gli stessi dirigenti della celebre casa d’arte americana che aveva stimato il valore del documento a 15-20 milioni di dollari. La copia venduta è una prima edizione della Costituzione degli Stati Uniti d’America, utilizzata direttamente dai padri fondatori del paese a Filadelfia del 1787.

La scrittura della Costituzione americana terminò proprio del settembre di quell’anno durante la convenzione di Filadelfia per essere poi ratificata nel giugno del 1788. Entrò in vigore solo nel marzo dell’anno successivo (1789) sotto la firma di 12 stati. Il documento fu poi modificato lo altre 27 volte. Attualmente la prima pagina della copia uguale della Costituzione è conservata presso il National Archives and Recorda Administation (NARA) a Washington D.C.

Certamente un documento di una rarità unica, un semplice “pezzo di carta” che ha segnato la storia del paese nei secoli a venire.


Cristina Caputo

Seguici su

Facebook 

Instagram 

Twitter 

Adv

Related Articles

Back to top button