Attualità

Coronavirus ed Europa, ad un passo dalla crisi

Il Coronavirus è una minaccia per l’economia e l’Europa deve agire in fretta. Tuttavia oltre 16 ore di riunione in videoconferenza tra i ministri dell’Economia e delle Finanze della zona euro non hanno sciolto i nodi sul tavolo dei Paesi membri. Lo spread tra Btp-Bund schizza a 214 punti.

Coronavirus ed Europa, 16 ore di videoconferenza per sciogliere i nodi

L’Eurogruppo, iniziato ieri pomeriggio, riprenderà domani in un clima di forte tensione e sfiducia. Infatti la conferenza stampa già convocata per le 10 di stamattina non ci sarà.

Si parla di un lavoro febbrile tra i ministri dell’economia e i loro collaboratori per arrivare almeno a un documento di compromesso.

Il Presidente dell’Eurogruppo Mario Centeno ha dichiarato: «Dopo 16 ore di discussioni eravamo vicini a un accordo, ma ancora non ce l’abbiamo fatta. Ho sospeso l’Eurogruppo e l’ho riconvocato per domani. Il mio obiettivo resta lo stesso: costruire una forte rete di sicurezza europea contro le conseguenze dell’epidemia di Covid19 (per tutelare lavoratori, aziende e nazioni) con l’impegno di costruire un adeguato piano di ricostruzione».

16 ore di videoconferenza non sono quindi bastate per sciogliere i nodi tra gli Stati e concordare su un documento di conclusioni che soddisfi tutti i Paesi membri. Il problema resta mettere d’accordo le diverse anime dell’Unione ferme sulle loro posizioni.

Il Nord guidato dalla Germania invoca il Mes mentre i paesi del sud chiedono gli eurobond.

«Continuiamo a impegnarci per una risposta europea all’altezza della sfida del Covid-19. È il momento della responsabilità comune, della solidarietà e delle scelte coraggiose e condivise» scrive il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri su Twitter.

“Facciamo appello a tutti gli Stati Ue di essere all’altezza delle sfide eccezionali per arrivare ad un accordo ambizioso», ha scritto invece il ministro francese dell’economia Bruno Le Maire.

L’Olanda rimane ferma sulla sua idea spiega il ministro dell’Economia Wopke Hoekstra: «L’Olanda era e resta contraria agli Eurobond perché aumentano i rischi per l’Europa invece di ridurli. La maggior parte dei Paesi dell’eurozona sostiene questa linea».

Presidente dell'Eurogruppo Mario Centeno Fonte: ItaliaOggi
Presidente dell’Eurogruppo Mario Centeno
Fonte: ItaliaOggi

LEGGI TUTTA L’ATTUALITÀ

SEGUICI SU FACEBOOK

Back to top button