Cinque giocatori, due caddie positivi al Covid sul PGA Tour, diversi ritiri e quarantene eccellenti. Il coronavirus esiste ancora. Dopo il primo caso (Nick Watney), aumentano i controlli, i tamponi e le preoccupazioni.

4 nuovi casi di Covid negli ultimi 5 giorni sul Tour

Dall’11 giugno, (giorno della ripresa ufficiale delle gare del PGA TOUR), sono 5 i giocatori risultati positivi al Covid-19. Di questi, addirittura 4 negli ultimi 5 giorni. Si tratta di Cameron Champ, Denny McCarthy, Dylan Frittelli ed Harris English (solo quest’ultimo non partecipava al Travelers Championship). Secondo le nuove disposizioni del PGA TOUR, i giocatori sono tenuti ad autoisolarsi per almeno 10 giorni. Il Commissioner della PGA, Jay Monahan, minaccia gravi conseguenze per chi non rispetterà i protocolli atti a prevenire il contagio da coronavirus. Non entra nel merito, ma promette sanzioni severissime per i trasgressori.

Covid PGA Tour
Photo Credits: sandnasetgolf.se

Altri big in autoisolamento: chi era a contatto con i positivi al tampone

Webb Simpson, Graeme McDowell, Brooks Koepka e suo fratello Chase, hanno deciso di autoisolarsi e non partecipare ai prossimi tornei del Tour. Webb Simpson ha un caso positivo in famiglia, così come sono risultati positivi i caddie di Brooks Koepka e di G-Mac. Tutti e 4 si sono ritirati dal Travelers Championship e salteranno sicuramente il Rocket Mortgage Classic, in programma a Detroit dal 2 al 5 luglio.

Covid Pga Tour
Photo Credits: www.allsquaregolf.com

Le condizioni di Nick Watney

Nick Watney ha rilasciato ieri un’intervista nella quale dichiara di non sapere come si sia contagiato. Le sue condizioni sono buone, non ha febbre né tosse, solo una fastidiosa anosmia (perdita dell’olfatto) che sta regredendo. Il californiano era risultato positivo al coronavirus prima del secondo giro al “RBC HERITAGE” in South Carolina. Afferma inoltre che si sta annoiando molto senza golf e prevede il suo rientro in breve tempo.

La situazione contagi negli U.S.A.

Sono 2,5 milioni i casi di coronavirus negli Stati Uniti, un quarto di tutti i contagiati del mondo. Numeri che continuano a salire, con oltre 40mila nuovi contagi al giorno. A questo punto, sembra sempre più probabile il rinvio al 2021 della Ryder Cup, programmata a fine settembre in Winsconsin. Anzi, più di qualcuno si aspetta addirittura l’annuncio ufficiale in settimana.

Per restare aggiornati seguite la Nostra Pagina Facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA