Cronaca

Covid, sperimentato il vaccino italiano realizzato da ReiThera: ecco le funzioni

Si è conclusa la prima fase di sperimentazione del vaccino italiano ideato da ReiThera. Positivi i primi risultati delle vaccinazioni iniziate 28 giorni fa. Il siero viene somministrato con una sola dose e ha prodotto gli anticorpi necessari. Il 90% dei vaccinati ha sviluppato anticorpi neutralizzanti nei confronti del virus. Il test ha riguardato 100 persone nella fascia d’età 18-55 anni. Nessuna reazione avversa nei volontari.

Vaccino ReiThera

Come già riportato, il vaccino è monodose e si conserva a una temperatura di 2-8 gradi. “Questo vaccino ha dimostrato di essere sicuro. Ha capacità di indurre risposta immunitaria degli adulti e la risposta è simile a quella di altri vaccini con due dosi”, commenta il direttore scientifico dello Spallanzani Giuseppe Ippolito. Soddisfatta anche la CEO di ReiThera Italia Antonella Folgori: “Puntiamo a sviluppare 100 milioni di dosi per anno”.

La sperimentazione si svolge in tre fasi. La prima, che si è conclusa ieri, ha visto la somministrazione del siero ad un numero ristretto di volontari. La prima fase è servita per controllare la sicurezza e il dosaggio. Adesso si passerà alla fase 2: il vaccino verrà inoculato a centinai di volontari e verrà valutata l’efficacia dell’induzione di una risposta immunitaria. Durante la terza fase verranno testati migliaia di volontari e si valuterà l’effettiva efficacia del vaccino nell’indurre resistenza all’infezione.

Questo tipo di vaccino adotta la tecnologia del vettore virale non replicativo. Viene utilizzato un virus innocuo per l’uomo al cui interno si inserisce il codice genetico della proteina Spike del Coronavirus.

Andrea Caucci Molara

Restate aggiornati su Metropolitan Magazine Attualità

Andrea Caucci Molara

Ho 26 anni e sogno fin da piccolo di diventare giornalista. Ho sempre preferito l'edicola al negozio di giocattoli.
Back to top button