Sport

Davide Cassani ricorda Davide Rebellin: “Tristezza più totale”

La notizia della morte di Davide Rebellin è stata assorbita in modo nefasto dall’intero movimento sportivo italiano. Soprattutto, ovviamente, da quello del ciclismo. Il 51enne ha trovato la triste fine in strada, mentre era in sella alla sua bicicletta. Esattamente come accadde a Michele Scarponi. Il corridore veneto è stato investito ieri da un camion e per lui non c’è stato niente da fare: in questo ore di cordoglio e shock è arrivato anche il messaggio accorato di Davide Cassani, ex CT della Nazionale italiana.

Il cordoglio di Davide Cassani

Davide Cassani ricorda Davide Rebellin: "Tristezza più totale"
(Getty Images)

Aveva appena smesso. Aveva detto che avrebbe avuto ancora la forza per correre ma che a 51 anni gli sembrava decoroso appendere la bici al chiodo. Non ne ha avuto il tempo. Mi viene da dire: ma se davvero avesse, almeno per qualche mese, appeso la bici al chiodo ora non saremmo qui a piangerlo. Leggere pochi minuti fa della scomparsa di Davide Rebellin mi ha gettato nella tristezza più totale. Perché lui era la passione per il ciclismo fatta a persona, lui era un ragazzo buono, gentile, silenzioso che a dispetto di tutto e tutti faceva quello che piu amava, correre in bicicletta. Era passato professionista lo stesso giorno di Marco Pantani, ad agosto del 1992 correndo il GP di Camaiore per chiudere la sua lunghissima carriera appena un mese fa“.

Il messaggio commosso continua:

Non l’ho mai visto arrabbiato, mai una volta in cui abbia alzato la voce, mai. Per lui la vita era correre, non ho mai visto un professionista più professionale di lui. Ed ora sono qui a piangere la sua memoria , la sua bontà, la sua resistenza e la sua capacità di essere atleta per una vita intera. Mi verrebbe da dire che è morto da eroe, che è morto esattamente la dove aveva cominciato a vivere la sua seconda vita. Ma un camion gli ha tolto questa opportunità e non ci resta che piangere ancora una volta, uno di noi. Il destino è davvero crudele“.

(Credit foto – Getty Images)

Seguici su Google News

Back to top button