11.7 C
Roma
Aprile 12, 2021, lunedì

Disco Elysium The Final Cut, recensione: una perla rara

- Advertisement -

Il 30 Marzo è uscito l’upgrade alla versione Final Cut del GDR di ZA/UM Disco Elysium, gratuito per i possessori del gioco. Noi abbiamo avuto l’opportunità di provare la versione Steam del titolo, ecco cosa ne pensiamo.

Disco Elysium The Final Cut: un GDR indimenticabile

Disco Elysium è un gioco di ruolo investigativo decisamente molto interessante.
Prima ancora di iniziare a giocare è importantissima la costruzione del personaggio. Possiamo sia scegliere uno tra i tre profili già pronti, che creare il nostro personaggio partendo da zero. Avremo dunque dei punti a disposizione da sistemare tra le quattro categorie di skills: intelletto, psiche, fisico, motorie. Dopodiché si dovrà scegliere una skill principale tra le tantissime disponibili, con la quale partiremo con un punto in più.
Più avanti nel gioco sarà possibile interiorizzare dei pensieri che potranno dare dei bonus ad alcune skills (oltre che formare la personalità del protagonista).

Durante la partita dovremo esplorare il paesino di Martinaise in cerca di indizi riguardanti il crimine o di spiegazioni riguardanti la nostra identità.
Durante il gioco dovremo fare attenzione a due parametri per non incorrere in un game-over: salute e morale. Esaurendo questi due punti tramite il fallimento di alcune azioni o la scelta di linee di dialogo sbagliate si andrà incontro alla fine della partita, nel primo caso per morte e nel secondo per abbandono della professione.

Per portare a buon fine le azioni determinanti nel gioco dovremo compiere un lancio di dadi, le cui probabilità di riuscita si baseranno sul livello delle nostre abilità (per facilitare la riuscita potremo inoltre indossare indumenti che alzano il valore della skill specifica o compiere prima determinate azioni che faciliteranno la riuscita del nostro lancio). I dadi si dividono in bianchi e rossi, con l’unica differenza che i primi potranno essere ritentati se falliti livellando l’abilità corrispondente, mentre i secondi potranno essere tentati una sola volta.

Disco Elysium non è quindi un titolo che si può giocare a cuor leggero, bisogna fare la massima attenzione ad ogni dettaglio per evitare di bloccare completamente una o più quests (dato che molte di queste sono collegate fra loro e si sbloccheranno a catena). Alle lunghe questo potrebbe risultare un pochino frustrante.
Sorge poi un altro piccolo problema, ovvero la lingua. Il titolo è costellato di lunghissimi dialoghi scritti completamente in un inglese abbastanza complesso. Anche chi conosce perfettamente la lingua, infatti, potrebbe ritrovarsi bloccato o confuso di fronte a certi dialoghi, soprattutto quelli più lunghi e introspettivi. Se si riesce però a superare questo scoglio il titolo riesce a regalare tantissime emozioni e momenti di riflessione.

Gameplay Photo credit: web
Gameplay – Photo credit: web

Disco Elysium The Final Cut: un viaggio d’introspezione

La trama di Disco Elysium è sicuramente una delle sue caratteristiche più intriganti.
Nel gioco interpretiamo un uomo colpito da una fortissima amnesia, probabilmente causata da una pesante sbronza. In poco tempo scopriamo di essere un detective e che ci troviamo nella cittadina di Martinaise per occuparci di un caso riguardante un uomo che è stato ritrovato impiccato ad un albero. Da qui in poi ci ritroveremo ad investigare, aiutati anche dal Tenente Kim Kitsuragi, sia sul caso da seguire che sul recupero della nostra memoria.

Ma arriviamo all’aspetto più interessante della trama, ovvero la sua narrazione, caratteristica per cui il titolo ha vinto numerosi premi.
Il titolo infatti è caratterizzato da numerosissimi dialoghi interiori del protagonista tra le sue molteplici skills, che ci aiuteranno non solo ad andare avanti con il caso, ma anche a riscoprire la nostra personalità attraverso le tantissime scelte che possiamo compiere nelle varie quests.
Siamo infatti noi a decidere tramite le linee di dialogo a quale copotype apparteniamo, a cambiare la nostra condotta e anche qual è la nostra ideologia politica (caratteristica aggiunta nella versione Final Cut, assieme a delle quests a tema).

Disco Elysium ci porta a viaggiare dentro noi stessi, a riscoprirci, ma anche ad analizzare e criticare le nostre scelte all’interno del gioco, spesso lasciando sottinteso che non c’è davvero una scelta giusta e una sbagliata, ma che anche il gesto più nobile può avere i suoi lati negativi.
Sicuramente si tratta di un titolo di fronte a cui non si può restare indifferenti.

Disco Elysium Photo credit: web
Gameplay – Photo credit: web

Disco Elysium The Final Cut: l’atmosfera che conta

Oltre ad essere un titolo eccezionale sotto il punto di vista sia della trama che del gameplay, Disco Elysium è meraviglioso anche per il clima che riesce a creare.
L’atmosfera cupa del gioco, creata sia dalla grafica particolare che da una colonna sonora che si adatta perfettamente ad ogni ambiente e momento di gioco, riesce a trasportarci all’interno della trama e a farci immedesimare perfettamente con il protagonista, tanto da riuscire a sentire sulla nostra pelle l’inferno che lui prova nel non ricordarsi chi sia o dopo gli incubi che fa durante la notte.
Decisamente degno di nota.

Disco Elysium Photo credit: web
Gameplay – Photo credit: web

In conclusione…

A volte si pensa che sia facile parlare delle cose belle. Grandissima bugia, almeno per quel che riguarda le recensioni è infinitamente più semplice concentrarsi su un titolo pieno di difetti piuttosto che riuscire ad esprimere a parole la bellezza di un piccolo capolavoro.
Disco Elysium è esattamente questo: una perla rara all’interno dell’universo videoludico che nessuno dovrebbe lasciarsi sfuggire.
I difetti sono veramente minimi e scompaiono davanti alla maestosità di tutti gli altri aspetti del titolo, il quale ti lascia dentro un segno indelebile e diventa indimenticabile per chiunque lo abbia giocato. Speriamo che questo titolo sia d’esempio per tutti i prossimi GDR che usciranno.

+ Trama intrigante e introspettiva, narrata in modo particolare ed eccellente
+ Personaggi profondi e ben costruiti, anche quelli che meno intervengono nella storia
+ Side quests mai ripetitive e tutte importanti per la trama
+ Costruzione del personaggio molto dettagliata
+ Atmosfera perfetta

-Non ancora disponibile in italiano
-Sistema di lancio dei dadi un po’ snervante, dato che a volte blocca completamente alcune quests

VOTO: 9,5

Recensione Disco Elysium The Final Cut – Testato su PC

Federica Giorgi

Seguici su
InfoNerd
Instagram
Facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
Federica Giorgihttp://www.metropolitanmagazine.it
Nata a Roma nel 1999. Studia Comunicazione, tecnologie e culture digitali alla Sapienza. Appassionata di cinema, serie tv, videogiochi, fumetti e tutto ciò che concerne l'universo Nerd.
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -