Esteri

“Donald Trump ha scelto di non agire il 6 gennaio”: le accuse

Il pensiero di molti è stato: “Ha tradito il suo giuramento alla Costituzione”, “Non ha difeso il Paese” e “Ha abdicato i suoi obblighi”. Donald Trump ha “scelto di non agire” il 6 gennaio 2021, tutte le accuse al riguardo.

La commissione di inchiesta sull’assalto al Congresso accusa Trump di aver aperto la strada alla violenza e alla corruzione con i suoi tentativi di ribaltare l’esito del voto e per questo deve essere ritenuto responsabile.

Trump prima che la violenza esplodesse con forza, ha twittato contro l’ex vicepresidente Mike Pence definendolo un codardo. Pence è stato allontanato dal Secret Service. Gli agenti erano molto preoccupati che potesse accadere il peggio tanto che hanno telefonato alle loro famiglie per salutarle.

Bennie Thompson, il presidente della commissione di inchiesta della Camera Usa che indaga sull’assalto al Congresso dichiara: “Mentre il lavoro va avanti, molti fatti appaiono chiari non possono esserci dubbi sul fatto che ci fu un tentativo coordinato di sovvertire il risultato elettorale seguito e diretto da Donald Trump.”

Donald Trump e le accuse

La posizione dell’ex presidente sembra aggravarsi settimana dopo settimana, deposizione dopo deposizione. Trump ha infranto diverse leggi cercando di impedire al Congresso di Certificare la sua sconfitta.

Seguici su Google News

Sara Mellino

Back to top button