È morta Tina Turner, la cantante regina del rock aveva 83 anni

Foto dell'autore

Di Redazione Metropolitan

Tina Turner è morta all’età di 83 anni. La regina del rock, cantante e attrice statunitense naturalizzata svizzera, si è spenta nella sua abitazione a Kusnacht, vicino Zurigo, in Svizzera. Lo ha annunciato il suo portavoce, secondo quanto riporta Sky News. “Tina Turner, la Regina del Rock’n Roll, è morta serenamente oggi all’età di 83 anni dopo una lunga malattia nella sua casa di Küsnacht vicino a Zurigo, in Svizzera. Con lei, il mondo perde una leggenda della musica e un modello”, queste le parole del suo portavoce, che poi continua: “Ci sarà una cerimonia funebre privata a cui parteciperanno amici intimi e familiari. Si prega di rispettare la privacy della sua famiglia in questo momento difficile”, ha concluso.

È morta Tina Turner, il comunicato

In un breve comunicato si legge che Tina Turner, pseudonimo di Anna Mae Bullock, si è spenta nella sua casa in Svizzera. Il suo portavoce ha fatto sapere: “Tina Turner, la Regina del Rock’n Roll’ si è spenta serenamente oggi, all’età di 83 anni dopo una lunga malattia, nella sua casa a Küsnacht vicino Zurigo, in Svizzera. Con lei, il mondo perde una leggenda della musica e un esempio”. Tina Turner non ha mai avuto dubbi sul fatto che la musica fosse la sua strada. Aveva solo 10 anni, infatti, quando ha cominciato a cantare nel coro della chiesa e non si è più fermata. Poi, nel 1956 l’incontro con Ike Turner, con cui nel 1958, inciderà la canzone Boxtop che segna il suo debutto discografico. Inizialmente userà lo pseudonimo di Little Ann. Solo nel 1960, con il singolo A Fool in Love, diventa ufficialmente nota come Tina Turner. Da lì, si imporrà come regina del Rock’n Roll, scalando le classifiche internazionali.

Tina Turner, pseudonimo di Anna Mae Bullock, nasce nel 1939 a Nutbush, un piccolo paese dello Stato del Tennessee dove trascorre un’infanzia alquanto difficile. Canta nel coro della chiesa battista dei nonni già all’età di dieci anni, ma cambia spesso città. “Ho passato la vita a farmi strada in una tempesta di karma negativo. Come ci si sentiva a essere una figlia indesiderata?”, dirà una volta raggiunta la notorietà. Nel ’56, infatti, i suoi genitori si separano, suo padre si risposa e si trasferisce a Detroit. Qui la piccola Tina assiste al suo omicidio per mano dell’amante e, poi, per un periodo va a vivere dalla nonna e infine con la madre a Saint Louis, in Missouri.