Cultura

È morto Gianni Celati, famoso scrittore e traduttore

Adv
Adv

È morto Gianni Celati, il famoso scrittore, critico letterario e traduttore. Da tempo viveva in Inghilterra, precisamente a Brighton.

Gianni Celati, tra traduzioni, critica letteraria e scrittura

Gianni Celati aveva 84 anni ed è morto oggi. Nasce nel 1937 a Sondrio, e si laurea a Bologna con una tesi su Joyce. È nel 1971 che pubblica il suo primo romanzo, Comiche.

Ricordiamo tra le sue opere, Narratori delle pianure, per cui ottiene il premio Cinque Scole e Grinzane-Cavour, Quattro novelle sulle apparenze, la trilogia Parlamenti buffi. È ricordato anche come traduttore di Bartleby lo scrivano di Melville, ma ha tradotto anche La Certosa di Parma di Stendhal, Poesie della torre di Hölderlin, I viaggi di Gulliver di Swift, l’Ulisse di Joyce.

Nel 1998 Gianni Celati ha ricevuto anche lo Zerilli-Marimò Prize for Italian Fiction dalla New York University. Tra le sue opere anche Avventure in Africa, Finzioni occidentali, Verso la foce, Fata Morgana, Sonetti del Badalucco nell’Italia odierna e Selve d’amore. Ma importante anche la sua opera per il cinema, in cui ha girato film documentari come Strada provinciale delle anime, Il mondo di Luigi Ghirri, Case sparse, e Visioni di case che crollano.
    Il ministro della Cultura Dario Franceschini ha commentato la morte di Gianni Celati: “Con dolore apprendo della scomparsa di Gianni Celati, un grande intellettuale del Novecento, un autore mai banale, uno straordinario traduttore che ha studiato con maestria la lingua italiana e le sue sonorità. È un giorno triste per la letteratura e per il nostro paese che perde anche un attento osservatore che ha saputo raccontare con semplicità l’Italia meno conosciuta, l’Italia dell’altrove. Mi stringo ai familiari e agli amici di Gianni Celati”. 

Seguici su Metropolitan Magazine

Adv
Adv

Arianna

Classe '93, viene adottata dalla Capitale nel 2012. La passione per la scrittura l'ha portata qui su InfoNerd. Tra anime, manga, serie tv, musica, cinema, ama tutto ciò che sia Arte.

Related Articles

Back to top button