MetroNerdMovieNerd

E’ morto Hershel di The Walking Dead

E’ morto Hershel di The Walking Dead

Oggi è un giorno triste, Scott Wilson, celebre ed amatissimo per il ruolo di Hershel Greene nella serie tv The Walking Dead, è morto all’età di 76 anni dopo una battaglia con il cancro.

Lo annuncia il profilo Twitter ufficiale del fumetto da cui è tratta la serie zombesca della AMC: «Siamo profondamente addolorati di riportare che Scott Wilson, l’incredibile attore che ha interpretato Hershel in The Walking Dead, se n’è andato all’età di 76 anni. I nostri pensieri vanno alla sua famiglia e ai suoi amici. Riposa in paradiso, Scott. Noi ti amiamo».

In cinquant’anni di carriera Scott Wilson ha avuto ruoli di rilievo in diversi film, come La calda notte dell’ispettore Tibbs (1967) di Norman Jewison, A sangue freddo (1968) di Richard Brooks, o Il grande Gatsby (1974) di Jack Clayton, partecipando anche a L’esorcista 3, Dead Man Walking, Soldato Jane, Pearl Harbor, Monster, L’ultimo samurai, Hostiles – Ostili. La sua interpretazione più importante resta però quella dell’ex astronauta Billy Cutshaw, internato in una sorta di manicomio militare ne La nona configurazione di William Peter Blatty, che gli valse nel 1981 una nomination al Golden Globe come miglior attore non protagonista. In televisione ha preso parte a nove puntate di CSI – Scena del crimine, e alla prima (ed unica) stagione di Damien e di The OA. Ma nell’immaginario collettivo resterà sempre l’amatissimo Hershel di The Walking Dead.

Al Comic-Con di New York, la showrunner di The Walking Dead, Angela Kang, ha annunciato che Wilson avrebbe ripreso il ruolo di Hershel nella nona stagione della serie, senza specificare dettagli in relazione alla sua apparizione, né al numero di episodi nei quali sarà presente. L’annuncio è stato fatto poco più di un’ora prima che le notizie sul decesso di Wilson si diffondessero sui social. Fonti confermano comunque che l’attore sia riuscito a completare le riprese delle sue scene prima della morte.

Nel frattempo anche i fan piangono la sua perdita.

Antonio Guercio

Back to top button