Gossip e TV

Edoardo Mapelli Mozzi, il marito di origini italiane di Beatrice di York

Edoardo Mapelli Mozzi è il marito di Beatrice di York, figlia del Principe Andrea Duca Di York e di Sarah Ferguson. L’imprenditore di origini italiane sarà tra i 30 invitati al funerale del principe Filippo che si terranno presso la Cappella di St George nel Castello Di Windsor.

Edoardo Mapelli Mozzi e Beatrice Di York: il matrimonio a sorpresa nel 2020

Classe 1983, Edoardo è figlio di Nikki Shale e del conte italiano Alessandro Mapelli Mozzi: i genitori si separano quando è ancora un bambino. Frequenta la Radler School nell’Oxfordshire, seguito da un master in politica ad Edimburgo. A 24 anni fonda la società immobiliare Banda (“capannone” nella lingua Swahili, ndr) che si occupa di commerciare lussuose dimore mostrate anche sulla sua pagina Instagram. Edoardo Mapelli Mozzi ha avuto una storia con l’architetto Dara Huang durata tre anni e mezzo, dalla quale è arrivato nel 2017 Christopher “Woolfie” Woolf.

La coppia si separa e pochi mesi dopo, scoppia l’amore tra il conte di origini italiane e la primogenita del Duca Di York, Beatrice che aveva chiuso una relazione decennale con Dave Clark. I due che si conoscevano da tempo, si erano ritrovati nel 2019 al matrimonio della sorella Eugenia. La loro storia tramutatasi in brevissimo tempo in fidanzamento ufficiale è stata oggetto di polemiche, poichè è la prima principessa ad aver sposato un uomo già padre. Il matrimonio si è celebrato il 17 luglio 2020 a sorpresa alla presenza di pochi invitati (causa covid), tra i quali la Regina ed il principe Filippo.

Immagine di copertina – Photo Credits Ph © Benjamin Wheeler

Seguici su

Facebook

Instagram

Adv
Adv

nickyabrami

Siciliana trapiantata a Roma. Abbandonati gli studi universitari, ho girato e giro in lungo e largo l'Italia per amore della musica e per passare qualche giorno in compagnia dei miei amici e di un buon bicchiere di vino. Ho collaborato con magazine musicali scrivendo live report su vari artisti italiani e stranieri e da gennaio 2017 ho occhi solo per Metropolitan Magazine
Adv
Back to top button