Gossip e Tv

Enrico Lucci indaga sulla crisi Russia-Ucraina e il Tapiro d’Oro per Antonio Di Bella: stasera a Striscia la Notizia

Questa sera a Striscia La Notizia Enrico Lucci in missione fuori dal Parlamento per chiedere lumi sulla crisi tra Ucraina e Russia; e ancora, Tapiro d’Oro al giornalista Antonio Di Bella sul fuori onda riguardante la comunità ucraina. Ecco le anticipazioni.

Enrico Lucci, in Paralamento per chiedere lumi sulla crisi fra Russia e Ucraina

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) Enrico Lucci in missione fuori dal Parlamento per chiedere lumi sulla crisi tra Ucraina e Russia agli “esperti di geopolitica del giorno dopo”.
Da Riccardo Molinari e Federico Mollicone a Claudio Durigon e Stefania Prestigiacomo, l’inviato di Striscia cerca di scoprire perché solo oggi si è capito che gli oligarchi russi sono “cattivi” e hanno depredato il patrimonio dell’ex Unione Sovietica. Alla ricerca disperata di un “amico di Putin”, Lucci incontra Matteo Salvini: «L’ho visto una volta» minimizza il leader della Lega (e grande indossatore in passato di t-shirt con faccia del presidente Russo), «Io cerco di avere buoni rapporti con tutti».

«Sono sette anni che Putin dice che non vuole i missili della NATO davanti al giardino di casa, non ci si poteva pensare prima?».

Chiede Lucci. Nessuna risposta da Salvini.

Tapiro d’Oro per Antonio Di Bella

«Migliaia di camerieri, cameriere, badanti… e amanti!». Così hanno definito la comunità ucraina, in un fuorionda che non è passato inosservato, i giornalisti Antonio Di Bella e Lucia Annunziata durante uno speciale del Tg3 sull’invasione russa. Una pessima figura che vale a Di Bella il Tapiro d’oro di Striscia la notizia, il secondo della sua carriera.

«Sapevo che saresti arrivato…»

Ammette il giornalista e direttore di Rai Day Time a Valerio Staffelli ricevendo il Tapiro.

«Ricordo a tutti che non eravamo in onda e che ci siamo scusati pubblicamente, ma colgo ugualmente l’occasione per scusarmi di nuovo. Sono gli errori di chi fa molte cose, ma in percentuale mi sembra che prevalgano quelle fatte bene».  

Seguici su FacebookInstagram e Metrò

Back to top button