Esteri

Escalation di scambi di fuoco tra Israele e la Striscia di Gaza

Sono stati lanciati nella notte almeno altri quattro razzi da la Striscia di Gaza verso Israele.

Arrivano conferme dall’esercito israeliano, che affermano di aver intercettato i missili

Gli scambi di fuoco li hanno dichiarati l’esercito israeliano, affermando di averli intercettati grazie al loro scudo antimissile. L’Israele non è rimasto fermo, ha risposto con bombardamenti nel centro della Striscia.

Stiamo parlando di un’enorme escalation di scontri tra le due parti della guerra che lo scorso anno durò 11 lunghi giorni. Gli ultimi scambi di fuoco arrivano dopo quasi un mese di sanguinose violenze in Israele e nei Territori palestinesi, focalizzate sul complesso della Moschea Al-Aqsa, nota agli ebrei come il Monte del tempio. Alcune ore prima, la polizia israeliana aveva impedito alle folle di manifestanti ebrei ultranazionalisti di avvicinarsi al quartiere mussulmano della Città vecchia a Gerusalemme est, con l’obiettivo di scongiurare un’escalation dopo quattro settimane di violenze che hanno provocato la morte di almeno 36 persone.

L’anno scorso, una marcia ultranazionalista molto simile a quella descritta sopra, era stata programmata nella Città vecchia quando Hamas lanciò una raffica di razzi verso Israele, scatenando una guerra di 11 giorni.

Dall’enclave palestinese sono partiti almeno quattro razzi verso lo Stato ebraico, che ha reagito con bombardamenti nel centro del territorio controllato da Hamas. Questa è la seconda volta in una settimana, dopo le violenze della Spianata delle moschee. 

21 Aprile

Valeria Muratori

Instagram

Back to top button