Calcio

Euro 2020, Inghilterra-Scozia 0-0: cronaca, promossi e bocciati

Adv

Inghilterra-Scozia, gara della seconda giornata del girone D di Euro 2020, riserva poche emozioni e alla fine si chiude con un pareggio senza gol. Inghilterra prima nel girone insieme alla Repubblica Ceca, ma questione qualificazione tutta da decidere. Così la cronaca, i promossi e i bocciati.

Il primo tempo di Inghilterra-Scozia

Il primo affondo è della Scozia, con Adams che viene murato dalla difesa inglese, dopo una bella combinazione sulla destra tra McTominay e O’Donnell. Poi si sveglia l’Inghilterra, che al 12′ con Stones, su azione di calcio d’angolo, colpisce in pieno il palo alla sinistra di Marshall, ormai battuto.

Al 22′ Tierney calcia in porta, ma il suo tentativo è velleitario e il pallone termina molto alto sopra la traversa. Ben più pericoloso è al 30′ minuto O’Donnell, che di destro colpisce in modo insidioso verso il secondo palo dopo un assist di Tierney, ottima è però la risposta di Pickford in tuffo.

Poco prima della chiusura del tempo, Adams prova di nuovo a colpire da lontano, ma la sua conclusione è deviata in angolo dalla difesa avversaria. La manovra inglese è troppo lenta, la disposizione difensiva della Scozia particolarmente efficace, così che si arriva al riposo senza reti.

Il secondo tempo di Inghilterra-Scozia

In avvio Shaw, dalla trequarti mancina, serve basso Kane, ma l’attaccante è anticipato bene in angolo dagli scozzesi. Al 55′, dopo un lungo fraseggio offensivo, James cerca la porta difesa da Marshall da fuori area, ma la sfera termina di poco alta sulla traversa.

Tre minuti dopo Kane ci prova di sinistro dal limite dell’area, ma la difesa avversaria neutralizza la sua stoccata. In una gara avara di emozioni, al 62′ Dykes, dalla corta distanza su azione di calcio d’angolo, di sinistro va vicino alla rete, se non fosse che il suo tiro è salvato sulla linea di porta, di testa, da James.

Scozia di nuovo pericolosa al 77′ con Adams, che da buona posizione, tuttavia, non trova lo specchio della porta. Sul finire del match, le due formazioni danno vita nell’area scozzese, a una mischia dal sapore rugbistico, che si risolve con un fallo in attacco fischiato agli inglesi. Inghilterra-Scozia termina senza reti e tutto rimane aperto per la qualificazione.

I Promossi

Nessuno (Inghilterra): il pareggio lascia l’Inghilterra in testa al girone insieme alla Repubblica Ceca, ma in generale, la questione qualificazione, è praticamente tutta decidere. La gara odierna ha messo in mostra diversi limiti della formazione di Southgate, motivo per il quale si fa fatica a salvare qualcosa (o qualcuno), da un voto basso.

Adams-O’Donnell (Scozia): gli scozzesi, dotati sulla carta di minori strumenti tecnici, sfoderano una prestazione tanto “umile” quanto efficace. Adams in avanti e O’Donnell sulla destra, creano i maggior pericoli alla porta di Pickford. Con un po’ di fortuna, sarebbero anche potuti entrare nel tabellino marcatori.

I Bocciati

Lentezza (Inghilterra): la lentezza della manovra inglese, ha pesantemente condizionato la gara. Con la Scozia chiusa nella propria metà campo per gran parte della sfida, gli inglesi non sono riusciti a dare al proprio gioco la giusta velocità, per mettere in difficoltà la retroguardia avversaria. Questa prestazione, dovrà far riflettere Southgate.

Nessuno (Scozia): la squadra di Clarke chiude con un prezioso pareggio una sfida molto complessa, riaprendo uno spiraglio per tentare di qualificarsi al prossimo turno. La formazione scozzese fa bene ciò che aveva preparato, subisce poco e va vicino alla vittoria. Tutti bene in questa circostanza.

Autore: Adriano Fiorini

Articolo precedente

Seguici su:

Pagina Facebook Sport Metropolitan

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter Ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Euro 2020

(Photo credit: UEFA EURO 2020)

Link foto: https://twitter.com/EURO2020/status/1405970704017854468/photo/1

Adv
Adv

Adriano Fiorini

"Lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfarne, la difficoltà per vincerla." (cit. Pierre De Coubertin). C'è allora qualcosa di più divertente da raccontare?
Adv
Back to top button