Il 1° gennaio 2019 entrava definitivamente in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica tra privati.

A distanza di oltre un anno è il momento di fare un bilancio sull’andamento della fatturazione elettronica, una vera e propria rivoluzione da un punto di vista fiscale e gestionale.

L’avvio è stato piuttosto difficoltoso per tutti gli attori chiamati in causa, anche se ogni cambiamento comporta dei grattacapi iniziali.

Le aziende ed i professionisti hanno dovuto cimentarsi con criticità tecniche e con le nuove modalità di gestione di ordini e fatture. Passare da un sistema cartaceo ad uno completamente automatizzato ha inevitabilmente causato delle difficoltà relative soprattutto alla gestione ed all’inserimento dei dati dei clienti.

Sono stati riscontrati anche da parte di Sogei, l’azienda che ha creato il Sistema di Interscambio per l’Agenzia delle Entrate e che evidentemente non si aspettava un flusso così ampio di fatture elettroniche.

Dopo l’avvio balbettante però le cose si sono regolarizzate. I professionisti hanno preso maggiore dimestichezza con i software gestionali che velocizzano e tengono più ordinate le fatture.

In base ai dati del Ministero dell’Economia e delle Finanze nell’anno 2019, sono stati inviati oltre 2 miliardi di fatture da parte di circa 4 milioni di soggetti. La fatturazione elettronica è quindi un processo ormai consolidato nelle attività di manager, professionisti ed aziende.
Questa nuova modalità di fatturazione assicura una serie di vantaggi logistici, economici ed anche ambientali.

Innanzitutto non è più necessario stampare ed inviare fatture cartacee per email. Tale condizione fa risparmiare tempo e denaro poiché non richiede l’utilizzo di fogli e cartucce né interventi di manutenzione per le stampanti. Inoltre ha un impatto ambientale minore grazie al mancato utilizzo di carta ed inchiostro.

I dati di aziende e clienti possono essere memorizzati dopo l’invio della prima fattura e vengono quindi salvati in occasione dei successivi invii senza necessità di reinserirli. Inoltre è possibile verificare lo stato delle fatture, il loro corretto invio, il loro pagamento ecc.
L’intera gestione delle fatture viene così snellita grazie anche ai numerosi software che facilitano l’operatività di professionisti ed aziende.

Una delle soluzioni più interessanti è quella proposta nell’apposita area di riferimento del sito web https://www.ufficiocamerale.com/b2c/, uno dei portali leader di servizi per professionisti.

Il software per la fatturazione elettronica di Ufficio Camerale garantisce la massima velocità ed una navigazione semplice, caratteristiche che aumentano la produttività e l’efficienza di ogni azienda, piccola, media o grande che sia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA