6.2 C
Roma
Marzo 4, 2021, giovedì

Fausto Gresini è vivo, la conferma del figlio

- Advertisement -

Fausto Gresini è ancora vivo, non è morto! Negli ultimi minuti la notizia della morte di Fausto ha fatto il giro di internet arrivando direttamente al figlio Lorenzo. La famiglia Gresini ha riconosciuto la notizia come falsa e rincuora chi aveva pensato al peggio. “Il mio grande babbo sta molto male, ma il suo giorno non sarà oggi”.

Le parole di Lorenzo Gresini

A smentire le voci sulla morte di Fausto Gresini è il figlio Lorenzo che, tramite un post rilasciato sul suo profilo Facebook riporta queste parole:

“Voglio ringraziare la stampa che ha avuto così tanto tatto nel comunicare e divulgare una notizia non verificata, siete proprio avvoltoi! Il mio grande babbo sta molto male, ma il suo giorno non sarà oggi. – Lorenzo Gresini

Fausto Gresini morte
Fausto Gresini è vivo. il figlio Lorenzo smaschera la fake news – Photo Credit: Gresini Racing

Se non dovesse bastare la notizia del figlio Lorenzo, anche il team Gresini Racing ha smentito la voce sulla morte di Fausto tramite il proprio profilo Twitter.

Arriva la rivista di Motorsport Metropolitan

Il primo numero della nostra rivista (gratuita!) targata Motorsport Metropolitan è disponibile sulla piattaforma Issuu. Scaricatela per leggere tutti i nostri contenuti esclusivi!

SEGUICI SU:

📷 INSTAGRAM: https://www.instagram.com/motors.mmi/
📹 YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCigTTOEc6pPf3YtJMj9ensw
🐦 TWITTER: https://twitter.com/Motorsport_MM
🎙 SPOTIFY: https://open.spotify.com/show/4r2r46o8ZTBOnjzPG7Hihw
📱 PAGINA FACEBOOK: https://www.facebook.com/motors.mmi/
✍️ GRUPPO FACEBOOK:https://www.facebook.com/groups/763761317760397
📰 NEWS MOTORI: https://metropolitanmagazine.it/category/motori-sport/

Alberto Gelmi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
blank
Alberto Gelmi
Ciao, mi chiamo Alberto e ho 24 anni. Sin dalle scuole medie sono sempre stato affascinato dal mondo delle due ruote, ma è solo nel 2015, all'età di 18 anni, che ho provato sulla mia pelle la magia del primo Gran Premio. Nonostante seguissi già da tempo la MotoGP non ero mai andato oltre alla semplice gara trasmessa in televisione. Così, insieme a un mio grande amico, abbiamo deciso di affrontare la sfida nel migliore dei modi: da Milano al Mugello in sella a un 125cc per un viaggio magico e sentimentalmente infinito: pieno di felicità, emozioni, sorprese e naturalmente... MOTO. Da allora andare in moto e seguire (anche se solo virtualmente) i campioni delle due ruote è diventato una piacevolissima droga. Facendo un salto temporale in avanti arriviamo al presente, o quasi. È infatti nel 2019 che scopro la passione per la scrittura e decido da subito di approfondire la materia. Il lavoro da fare è ancora tanto e faticoso, ma il mio sogno resta quello di scrivere di sport, passione e sacrificio ed è grazie a Metropolitan Magazine se questa "sogno" si sta, giorno dopo giorno, concretizzando.
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -