Ferragosto, la festività più attesa dell’estate. Nel nuovo appuntamento della rubrica Classicamente, un’analisi sull’origine della festa nata in onore dell’Imperatore Ottaviano Augusto.

Ferragosto, l’origine antica

Festività antica che ha origine dal mondo classico latino: feriae Augusti, letteralmente il ”riposo di Augusto”. Una celebrazione in onore di Ottaviano Augusto, primo imperatore romano, da cui prende il nome il mese di agosto. Fu lo stesso imperatore, nel 18 a.C., ad istituire un vero e proprio periodo di riposo in questo periodo dell’anno. Tale consuetudine, successivamente, si trasformò in una vera e propria festa proveniente, originariamente, dalla tradizione dei Consualia; celebrazioni, a loro volta, dedicate al dio Conso che, nella religione romana, era la divinità legata alla terra ed alla fertilità.

Ferragosto,le''Feriae Augusti'' - Photo Credits: ufficistampanazionali.it
Ferragosto,le ”Feriae Augusti” – Photo Credits: ufficistampanazionali.it

Questo tipo di festeggiamenti solennizzavano e coincidevano con la fine dei lavori nei campi. Era un vero e proprio periodo di vacanza, proprio come accade nella società di oggi: non solo, perché in tutto l’Impero, per rendere omaggio ad Augusto ed allo stesso periodo di pausa concesso, si organizzavano feste, corse di cavalli, giochi. Una delle usanze più comuni consisteva negli auguri dei contadini ai proprietari terrieri che, in cambio, davano loro una mancia.

Ferragosto, da festa pagana al Cristianesimo

Le antiche vacanze di metà agosto, oltre ad avere finalità di auto-promozione politica, collegavano ulteriori festività che si perpetuavano nel mese in questione. Era un periodo di riposo necessario dopo il duro lavoro delle settimane precedenti; il periodo di stacco in questione, si definiva anche Augustali. In origine, si celebrava come festa pagana dal primo giorno di agosto. Tuttavia, i giorni di ristoro e quiescenza pare fossero, in effetti, molti di più. Probabilmente anche tutto il mese, con particolare attenzione alla celebrazione del giorno 13, dedicato alla dea Diana. Successivamente, la ricorrenza fu inglobata dalla Chiesa Cattolica. Infatti, intorno al VII secolo i festeggiamenti, traslarono sulla festività che vide la celebrazione dell’Assunzione di Maria, il 15 agosto. Il dogma dell’Assunzione fu riconosciuto solo nel 1950: tale principio, afferma e stabilisce che la Vergine Maria fu accolta in cielo con lo spirito e con il corpo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA