Motori | Nuova Ferrari F8 Tributo, il V8 più potente di sempre [FOTO]

Questa mattina è stata svelata la nuova Ferrari F8 Tributo, nome della neonata di Maranello. La nuova vettura monterà un motore V8, il più potente mai costruito fino ad ora. La vettura sarà presentata il 5 Marzo al Salone di Ginevra.

Ferrari F8 Tributo – La nuova berlinetta a motore centrale-posteriore che sostituisce la 488 GTB e sarà presentata in anteprima mondiale al Salone di Ginevra in programma dal 7 al 17 marzo prossimi. Con i suoi 720 CV, 50 cv in più della GTB e la potenza specifica record di 185 cv/l, il motore della F8 Tributo è il più prestazionale di sempre per una Ferrari non definita serie speciale.

Ferrari F8 Tributo Ferrari F8 Tributo
Ferrari F8 Tributo Ferrari F8 Tributo
Ferrari F8 Tributo Ferrari F8 Tributo
Ferrari F8 Tributo Ferrari F8 Tributo
Motore Ferrari F8 Tributo Motore Ferrari F8 Tributo

Ferrari F8 Tributo – Esterni

La Ferrari F8 Tributo esternamente ricorda molto la Ferrari 488 GTB, che andrà a sostituire. Disegnata dal Centro Stile Ferrari, guidati da Flavio Manzoni, la F8 Tributo pur derivando quasi completamente dalla 488 GTB, riesce ad avere una sua personalità; ed appare nettamente più grintosa e sportiva del modello che andrà a sostituire.

Merito del fascione anteriore, più armonico, e dei nuovi fanali posteriori a led, doppi e circolari come sulla più grande e costosa 812 Superfast. La F8 Tributo cambia inoltre nella zona del cofano anteriore (ha scanalature più profonde) e del lunotto, dotato di feritoie per far defluire l’aria calda dal motore. Sull’anteriore possiamo notare anche la grande presa d’aria che ricorda molto quella presente sulla fantastica F40, prodotta dall’ing. Nicola Materazzi.

Ferrari F8 Tributo
Anteriore Ferrari F8 Tributo – Photo Credit: Ferrari.com

Come su tutte le Ferrari anche qui l’aerodinamica è ai massimi livelli. Tutto è più compatto per dare spazio alle prese di raffreddamento dei freni; l’S-Duct nel frontale, un’ala ispirata alle monoposto di Formula 1 fa aumentare del 15% il carico aerodinamico sulla parte anteriore: la F8 Tributo si fa più stabile e precisa da guidare.

Ferrari F8 Tributo – Interni

Anche gli interni della Ferrari F8 Tributo sono stati rivisitati. Troviamo delle bocchette più rotonde, il volante appare più snello ed è presente un nuovo schermo di 7” davanti al guidatore, che può osservare dati come la velocità massima o il tempo sul giro in pista senza volgere lo sguardo verso il cruscotto.

Interni  Ferrari F8 Tributo
Interni Ferrari F8 Tributo – Photo Credit: Ferrari.com

Sul volante è presente il manettino per le modalità di guida, compresa la più estrema “Race“, ora abbinata al sistema Ferrari Dynamic Enhancer (FDE) per rendere l’auto più controllabile e intuitiva nelle curve.

Ferrari F8 Tributo – Caratteristiche del motore V8

Sono importanti le caratteristiche del motore V8 di questa Ferrari F8 Tributo. Vettura che non solo cambia fuori, ma è soprattutto sotto il cofano che ci sono delle copiose novità! La scelta di installare un motore V8 è semplice: la Ferrari vanta di possedere il V8 migliore in circolazione. Motore che per 3 anni consecutivi è stato premiato come “Best Engine of the Year” nel 2016, 2017 e 2018, oltre a essere riconosciuto come miglior motore degli ultimi 20 anni, ed è normale che vogliano utilizzarlo a lungo.

Il motore della Ferrari Triturbo è un V8 3.9 delle Ferrari 488 GTB, 488 Spider e 488 Pista. Il 3.9 litri si trova infatti sotto alla carrozzeria della Ferrari F8 Tributo e raggiunge un totale di 720 CV, sempre erogati a 8.000 giri, mentre la coppia aumenta a 770 Nm. Il V8 della Ferrari F8 Tributo diventa così il più potente motore a otto cilindri mai sviluppato per una Rossa non in serie speciale; vale a dire gli allestimenti in chiave sportiva 360 Challenge Stradale, 430 Scuderia, 458 Speciale e 488 Pista (dove il 3.9 eroga proprio 720 CV).

Motore Ferrari F8 Tributo
Motore Ferrari F8 Tributo – Photo Credit: Ferrari.com

Parlando ancora di numeri, l’auto ha un peso di 1.330 kg, 40 in meno della 488 GTB; e ha prestazioni ancora migliori: per lo “0-100” bastano 2,8 secondi, lo “0-200” viene portato a termine in 7,8 secondi e si raggiunge la velocità massima di 340 km/h.

SEGUICI SU:

CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCigTTOEc6pPf3YtJMj9ensw
PROFILO INSTAGRAM:https://www.instagram.com/motors.mmi/
CANALE TELEGRAM: https://t.me/MMImotorsport
PAGINA TWITTER: https://twitter.com/MmiMotorsport
NEWS MOTORI: https://metropolitanmagazine.it/category/motori-sport/

© RIPRODUZIONE RISERVATA