MetroNerd

Una festa del papà all’insegna della magia

In occasione della festa del papà, noi di Metropolitan abbiamo preso in prestito un manico di scopa (ma voi, se preferite, potete smaterializzarvi o prendere una Ford Anglia) e siamo volati a Hogwarts. Perché? Per andare conoscere meglio alcuni dei personaggi fondamentali nella vita di Harry Potter, quelle che per sette anni sono state, chi in un modo chi in un altro, delle figure paterne per il mago più famoso del mondo.

Festa del papà: cinque maghi in una nuova veste

James Potter

Lily Evans e James Potter - immagine web

festa del papà
Lily Evans e James Potter – immagine web

Festa del papà

James Potter è il padre biologico di Harry, morto giovanissimo, insieme alla moglie Lily Evans, per proteggere il figlio di un anno dal Signore Oscuro.
Nella figura di James Potter è incarnato fin dal principio della saga l’amore estremo di un genitore per il suo bambino; un amore così forte che porta anche, senza ripensamento alcuno, al sacrificio più grande. James è stato il primo ad essersi sacrificato per Harry, lottando fino allo stremo contro Voldemort, permettendo al figlio di sopravvivere.

Sirius Black

Sirius Black - immagine web

festa del papà
Sirius Black – immagine web

Festa del papà

Sirius Black è il padrino di Harry Potter, ma per lungo tempo è stato creduto l’assassino di James e Lily, suoi amici dai tempi di Hogwarts. Per tredici anni prigioniero ad Azkaban, nel terzo capitolo della saga riesce a fuggire, facendo appello alle sue doti di animagus, trasfigurandosi in un grosso cane nero e giungendo ad Hogwarts, dove si ricongiunge con Harry proteggendolo dall’ennesima minaccia di Voldemort.

Sirius, per tutta la sua breve permanenza all’interno della saga, sarà per Harry quel padre che gli è sempre mancato, offrendogli appoggio concreto e tutto il suo amore, riscattando in soli due anni una vita in cui non ha potuto volergli bene e proteggerlo come avrebbe voluto. Nel quinto capitolo, infatti, anche Sirius si sacrificherà per Harry, restando vittima dell’Avada Kedavra scagliatogli dalla cugina Bellatrix Lestrange.

Remus Lupin

Remus Lupin - immagine web

festa del papà
Remus Lupin – immagine web

Festa del papà

Remus Lupin è, insieme a James e Sirius, un altro dei membri dei Malandrini. Lo incontriamo per la prima volta nel terzo capitolo, nella veste di un professore di Difesa contro le Arti Oscure che combatte la propria battaglia contro la licantropia. Da bambino, infatti, Lupin venne aggredito nella culla dal Mangiamorte Fenrir Greyback, a sua volta un licantropo, che maledì con lo stesso destino il piccolo Remus per attuare una vendetta nei confronti del padre di questi, il quale sarà per sempre mangiato dal rimorso di non essere riuscito a proteggere il figlio.

Proprio per questo Remus Lupin condurrà sempre una vita solitaria e modesta, alle prese con la propria condizione, al fine di non intaccare i rapporti con gli altri, sebbene riesca a farsi amare dai suoi studenti nonostante un solo anno di insegnamento.
Sarà nel quinto capitolo della saga che la sua vita cambierà, grazie all’incontro con un altro membro dell’Ordine della Fenice: la metamorphomagus Ninfadora Tonks. Durante le missioni assieme, infatti, tra i due scatta qualcosa, e sebbene Lupin sia all’inizio restio dall’innamorarsi, sarà Tonks a fargli capire che non ha nulla di sbagliato e che la sua condizione non sarà un ostacolo per la loro storia.

I due avranno un bambino, Ted, che affideranno alle cure della nonna quando combatteranno nella battaglia di Hogwarts. Siamo di fronte all’ennesimo sacrificio di due genitori, in una sorta di ciclo, iniziato nel primo capitolo e conclusosi nel settimo (ottavo, se parliamo in termini di film): Lupin e Tonks moriranno insieme combattendo per una causa comune, ancora una volta dando del filo da torcere al Signore Oscuro.

Remus Lupin, perciò, oltre ad essere un papà per suo figlio, sarà anche una figura paterna per i ragazzi a cui insegna, il primo vero professore in grado di far amare la propria materia agli studenti e di essere una spalla anche al di fuori della propria aula, specialmente per Harry, che tramite i racconti dell’uomo riuscirà a conoscere meglio quel padre che gli è stato strappato via in tenera età.

Albus Silente

Albus Silente - immagine web

festa del papà
Albus Silente – immagine web

Festa del papà

Il preside di Hogwarts Albus Silente è una delle primissime figure paterne in cui si imbatte Harry. L’uomo sarà sempre pronto a consigliarlo, a dargli degli avvertimenti e a lodarne lo straordinario talento.

Silente, tuttavia, non è esente da un’ombra che si staglia dietro il suo aspetto bonario e la sua potente magia. Consapevole infatti del fatto che il Signore Oscuro sarebbe stato assetato dalla vendetta nei confronti di Harry, cercandolo finché non avrebbe potuto ucciderlo, tiene il ragazzo a Hogwarts con il subdolo fine di offrirlo al momento opportuno, allo scopo di sedare la minaccia.

L’unico a mostrare il proprio disgusto di fronte a questa scelta sarà un personaggio inaspettato.

Severus Piton

Severus Piton - immagine web

festa del papà
Severus Piton – immagine web

Festa del papà

Arriviamo all’ultimo personaggio di questa lista, l’unico che è stato la cosa più vicina ad un padre per Harry: l’impensabile Severus Piton, severo e irreprensibile professore di Pozioni.

Se inizialmente può sembrare uno dei nemici numero uno di Harry, in realtà l’uomo è sempre stato in prima linea per proteggerlo, fedele a quell’amore impossibile per Lily Evans che non l’ha mai abbandonato. Quasi come se avesse fatto una promessa Severus passerà sopra la gelosia e il rancore per la donna che ha sempre amato.

Anche Piton per Harry sacrificherà la propria vita, lasciandogli come testamento i propri ricordi assieme all’amata madre, che per sette lunghi e dolorosi anni ha rivisto giorno per giorno negli occhi del ragazzo.
Fino all’ultimo dei suoi giorni, l’uomo ha protetto il figlio dell’amata. Quel figlio che, forse, se le cose fossero andate diversamente, avrebbe potuto essere il suo.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora continua a seguirci su Metropolitan Magazine!

Chiara Cozzi

Critica cinematografica per passione, scrittrice per vocazione.
Back to top button