Games

Final Fantasy XVI, Square-Enix ad un buon punto nello sviluppo

Photo Credit: www.square-enix-games.com

È notizia di qualche ora fa che lo sviluppo del nuovo capitolo di Final Fantasy si trova ad un ottimo punto.

Non è passato neanche un mese dalla presentazione a sorpresa del nuovo capitolo della saga di Final Fantasy. In apertura della conferenza Sony su Playstation 5, Square-Enix ha sorpreso tutti mostrando anche più di quello che ci si aspettasse della sua nuova creatura. Il trailer mostrava infatti ampie fasi di gameplay oltre a filmati in CG. 

Le news delle ultime ore ci dicono però che il nuovo titolo si trova già in fase avanzata nello sviluppo e che il team è in cerca di membri dello staff che si occupino dei lavori “di rifinitura”. L’impianto base del gioco sembra dunque, se non già terminato, comunque ad un buon punto: si cerca infatti personale per lavorare su cutscene, rifinitura degli scenari, boss fights e animazioni dei personaggi. 

Il solito Final Fantasy?

Da quanto emerge dal trailer di presentazione sembra che Square-Enix voglia arrivare su console di nuova generazione con un titolo di stampo “tradizionalista”. Nel senso che, per quello che si è visto al momento, le ambientazioni e la caratterizzazione dei personaggi sembrano richiamarci alla memoria i fasti di giochi come Final Fantasy IX, XII, la saga Dragon Quest e il capitolo online FFXIV. Non a caso a capo del team di sviluppo ci sono Naoki Yoshida e Hiroshi Takai, già sviluppatori di titoli come Dragon Quest X, The Last Remnant e, appunto, Final Fantasy XIV

Le atmosfere di questo sedicesimo capitolo sembrano più mature e dark rispetto agli altri episodi della serie, ma non mancheranno personaggi, Esper e creature che ben conosciamo. Nel trailer si possono infatti vedere Shiva, Ifrit e i chocobo, tutti adattati a questo mondo di gioco dal gusto fantasy/medioevale

Per quanto riguarda il gameplay sembra che ci troviamo di fronte ad una creatura “ibrida” che ricalca l’esperienza vista in Final Fantasy XV e in FFVII remake, più orientata verso l’action-RPG piuttosto che i classici “turni’ che fino al tredicesimo capitolo avevano caratterizzato la serie. Ormai sembra che Square-Enix abbia abbandonato definitivamente l’impianto JRPG classico per dedicarsi alla sperimentazione di formule nuove per fornire al giocatore un’esperienza più improntata verso l’azione e la dinamicità, conservando però quelle strutture del canone che offrono profondità ai titoli, quali pianificazione strategica, scelta di magie ed evocazioni e l’adattamento di queste alle situazioni di gioco. 

Photo Credit: www.square-enix-games.com

Rispetto delle tempistiche: non proprio un marchio di fabbrica

La casa di sviluppo giapponese non ci ha proprio abituato bene per quanto riguarda le tempistiche da rispettare. Ci ricordiamo le lunghe attese, rinvii e cambi di titolo per ciò che solo nel 2016 uscí come Final Fantasy XV (annunciato nel lontano 2006 e mostrato nel 2008).

L’annuncio di poche ore fa dunque fa giustamente gioire i fan ma allo stesso tempo pone degli interrogativi. Dal trailer di presentazione “Awakening” onestamente erano sorte ben più di una perplessità, specialmente per quel che riguarda il comparto tecnico del titolo: qualità delle texture discutibile, animazioni da rivedere, illuminazione decisamente sottotono. Insomma, nulla che ci faccia gridare al miracolo, specialmente pensando che girerà sulle console di nuova generazione. 

Detto questo però dobbiamo anche affermare che Square-Enix ci ha anche regalato perle indimenticabili negli ultimi anni, quindi possiamo ben sperare in un titolo di grande spessore. 

Nell’attesa di nuove vi ricordiamo che il titolo uscirà in esclusiva (temporale?) su Playstation 5 nel corso del 2021, ma considerando la natura multipiattaforma della serie ci aspettiamo novità su questo fronte. 

Intanto godetevi il trailer “Awakening” presentato lo scorso 16 Settembre in apertura dell’evento Sony su Playstation 5.  

Seguici su Facebook!

Back to top button