Formula E | Formula E alla conquista dei giovani

Il circus full-electric è sempre più alla conquista dei giovani. Formula E Holdings Ltd ha comunicato che c’è stata una “crescita sostenuta” nel coinvolgimento del pubblico da casa tramite i contenuti multimediali.

Non può che rappresentare una bella notizia quella rilasciata recentemente da Formula E Holdings Ltd. La società organizzatrice e promoter del campionato di Formula E si è detta “particolarmente entusiasta” per i risultati ottenuti. Il pieno coinvolgimento dei fan tramite i social media ha coinvolto nello specifico i giovani con degli incrementi non indifferenti.

Il dato più significativo è rappresentato dall’aumento del 347% del numero di ragazzi tra i 13 e 17 anni ad interagire con i contenuti distribuiti sulle piattaforme social. Questo dato è certamente incoraggiante, a dimostrazione del tentativo di coinvolgere i più giovani nel mondo dell’elettrico. 

Alejandro Agag – Photo Credit: F1i.com

La Formula E continua a crescere sempre di più, attraendo una nuova e giovane generazione di fan entusiasti. Con una chiara strategia digitale e sui contenuti, questi risultati impressionanti sono il risultato del parlare la stessa lingua dei nostri fan e costantemente sperimentando nuovi ed innovativi strumenti sulle diverse piattaforme. – Alejandro Agag

Ottimi risultati ottenuti anche nella fascia tra i 18 e 24 anni. Questa fascia di età rappresenta ad oggi il più grande gruppo di fan sulla pagina ufficiale della Formula E grazie all’incremento del 54% complessivo. Altri ottimi risultati arrivano anche dalle altre fasce di età.

Photo Credit: elettricomagazine.it

L’incremento dell’interazione con i social media è stato agevolato dall’utilizzo continuo dell’account Instagram della Formula E da parte di Agag e dei piloti. Sono certamente dei risultati che possono far sorridere Alejandro Agag, ma lo stesso fondatore della Formula E è conscio della necessità di consolidare questi risultati per ottenere una definitiva consacrazione della serie full-electric.

© RIPRODUZIONE RISERVATA