Rinvio Formula 2 – L’epidemia da COVID-19 continua ad essere fonte di preoccupazione per gran parte del mondo. Oltre ai primi contraccolpi economici, sono numerose le competizioni sportive globali che stanno reagendo di conseguenza. La Formula 2 ha infatti posticipato l’inizio del campionato 2020, così come accaduto per la Formula 1.

Rinvio Formula 2 – Cosa succede al calendario

Sia F1 che F2 hanno entrambe manifestato la volontà di aspettare tempi migliori, in attesa che l’emergenza da nuovo coronavirus si arresti. Ora la classe inferiore dovrebbe quindi prendere il via a maggio, a Zandvoort, ma l’ormai certo rinvio degli Europei di calcio a giugno 2021 ha un suo peso. È ormai opinione diffusa che l’inizio del campionato di Formula 1, sempre che il virus non dovesse limitare la sua diffusione, vada spostato molto più in là nel tempo.

Rinvio Formula 2
Il rettilineo del traguardo del Circuito Internazionale del Bahrain – Photo Credit: Twitter Formula 2

La Formula 2 dunque dovrà adeguarsi agli altri. Tuttavia, alla luce dei recenti avvenimenti, servirà un intervento coordinato della FIA. Come fatto per il calcio, si dovrà prendere in considerazione di posticipare tutte le categorie motoristiche più avanti nel tempo. Arrivando persino a correre nel 2021. Mentre i campionati calcistici volgono infatti al termine, per F1 e F2 si parla di mesi di gara, data la tradizionale coincidenza per quanto riguarda la fine delle attività in pista.

Rinvio Formula 2 – Commenti sulla questione

La scelta non può certo far felici gli amanti delle quattro ruote, ma la decisione è giustificata dalla situazione del momento. I piloti però l’hanno presa bene: alcuni hanno anche voluto lasciare un piccolo commento su Twitter, come fatto da Mick Schumacher, Marcus Armstrong e dal rookie Jehan Daruvala. Qui di seguito trovate anche le parole di Bruno Michel, CEO di F2 e F3.

Rinvio Formula 2
Bruno Michel, CEO di F2 e F3 – Photo Credit: formula1.com

“Ci dispiace ma dobbiamo posticipare il nostro evento inaugurale sul Circuito Internazionale del Bahrain: di certo la sicurezza per chiunque nel paddock e per i fans viene prima di tutto. Abbiamo svolto i nostri test pre stagione a Sakhir e non vediamo l’ora di correrci il prima possibile. Comunicheremo un calendario rivisto di F2 (e F3, ndr) più avanti”. Bruno Michel

SEGUICI SU:

© RIPRODUZIONE RISERVATA