Motomondiale

Francesco Bagnaia sul trono traballante: incoronazione a Sepang?

Una rivolta contro il Re indiscusso, almeno fino a quel momento. Dall’alto del suo giogo, Fabio Quartararo non è riuscito a reprimere al ritmo di derapate la rivoluzione portata da Francesco Bagnaia che, battaglia dopo battaglia, si è portato a ridosso della Capitale governata dal campione del mondo transalpino. La lotta di Phillip Island ha sovvertito il potere: il piemontese ha compiuto la sua personalissima ricorsa alla vetta scalzando il rivale di Yamaha posizionandosi, con pieno merito, sulla vetta della classifica piloti della MotoGP. Il trono traballante adesso dovrà essere difeso senza troppe esitazioni: dall’alto dei suoi 14 punti di vantaggio, Re Pecco potrebbe essere incoronato definitivamente in Malesia, quando il Motomondiale tornerà dopo anni di assenza a Sepang.

Le parole di Francesco Bagnaia, nuovo leader della classifica piloti della MotoGP

(Photo credits: MotoGP)

Negli ultimi giri ho avuto una serie di difficoltà con la ruota anteriore. A metà gara ho visto che Quartararo era a terra – ha detto il pilota di Ducati che a Phillip Island ha completato la rimonta su Fabio Quartararo scavalcando in classifica il pilota di Yamaha . Sono felicissimo per aver ottenuto la leadership del campionato. Abbiamo deciso di utilizzare la gomma media, non avevo un buon feeling con la mescola dura. Sapevo che Rins e Marquez mi avrebbero attaccato nei passaggi conclusivi, la gara è cambiata quanto ho letto che Quartararo era fuori dai giochi: in quel momento ho capito che potevo accontentarmi di un podio, sino a quel momento ero determinato a giocarmi la vittoria. Fino alle qualifiche non riuscivo ad avere un passo costante. Tutti abbiamo gestito un po’, mi aspettavo una gara molto più veloce. Ho dovuto fare una gara in gestione della gomma, non succedeva da un po’. Eravamo tutti molto vicini“.

(Credit foto – pagina Facebook MotoGP)

Seguici su Google News

Back to top button