Musica

Frank Sinatra: l’affascinante storia di “The voice”

Frank Sinatra, anche conosciuto come The Voice, nacque il 12 dicembre del 1915. Universalmente conosciuto come una delle più grandi voci di sempre, grazie ad essa ha venduto 150 milioni di dischi. Un numero astronomico. Inoltre è stato anche un attore di successo, vincitore di ben tre premi Oscar

Frank Sinatra, una carriera di successo rimasta nella storia in modo indelebile

Frank Sinatra: l'affascinante storia di "The voice"

Frank Sinatra nacque a Hoboken, nel New Jersey. Figlio di due immigrati italiani, venne al mondo con un parto molto difficile. Per nascere venne infatti estratto con un forcipe, e questo lo rese completamente sordo da un orecchio.

Decise di diventare un vero cantante iniziando ad esibirsi nel saloon del padre. Il successo arrivò solo dieci anni dopo, nel 1940, cantando con l’orchestra Tommy Dorsey. Il giovane Frank divenne quindi un idolo per gli adolescenti dell’epoca, entusiasti della sua suadente voce.

Nel periodo a cavallo tra il 1943 e il 1944 entrò per la bellezza di ventitré volte nella top ten dei singoli più venduti in America. Tutti erano concordi, si stava assistendo alla nascita di una delle più grandi star della storia della musica.

Nel frattempo iniziò a dedicarsi alla carriera cinematografica, recitando nel film Higher and Higher e in Due marinai e una ragazza dimostrando il suo talento anche davanti alla cinepresa.

Si arrivò così al 1950. Dopo una carriera pregna di successi arrivò un declino quando i suoi contratti cinematografici e musicali scaddero. Dovette così accettare contratti minori che lo portarono ad un collasso delle corde vocali, da cui guarì tuttavia in tempo celere. Il rilanciò fu immediato e la produzione dei brani decollò per l’intero decennio successivo, arrivando a vincere nel 1965 il Grammy Awards alla carriera.

Negli anni 60′ iniziò per lui una seconda giovinezza, e tornò in auge come nei lontani anni 40′ duettando tra i tanti con Ella Fitzgerald. Proprio in questa decade registrò i suoi pezzi più emblematici: Stranger in the night e My way.

Nei decenni successivi diminuì la quantità delle sue presenze in pubblico a vantaggio della qualità delle esibizioni, rinunciando alla musica solo quando il corpo logorato dagli anni non gli consentì più di esibirsi. Morì nel 1998 di infarto.

Frank Sinatra è un’icona di una musica del passato rimasta nella memoria. I suoi brani sono divenuti immortali, così come la sua voce calda e le sue interpretazioni cinematografiche. Un artista immortale nella forma più pura del termine.

Andrea Pastore

Seguici su Google News

Back to top button