Cultura

Franz Schubert, un talento del pianoforte senza tempo

Il 31 gennaio 1797 a Vienna è nato Franz Schubert, uno dei pianisti e compositori migliori del suo tempo. Sebbene sia vissuto solo trent’anni, la sua raccolta di composizioni è una delle vaste. La maggior parte delle sue opere sono state pubblicate solo in seguito alla sua morte.

Franz Schubert, il sodalizio con Salieri

Franz Schubert photo credits wikipedia.
Franz Schubert

Franz Schubert è nato a Vienna, e fin da subito ha dimostrato un grande talento nel mondo della musica. Per questo motivo già nel 1808 è stato accolto nel coro della cappella imperiale, per avere un’adeguata formazione musicale. Per gran parte della sua infanzia si mantiene come insegnante, ma non trascura in alcun modo la sua attività musicale. Schubert continua infatti a perfezionarsi sotto la guida del grande musicista Antonio Salieri. In queste circostanze Schubert compone i suoi primi lavori. La sua attività di compositore viene rallentata a venticinque anni, quando contrae la sifilide, una malattia venerea che mina in modo grave la sua salute fisica e mentale. Nonostante questo riesce a portare a termine molti dei suoi lavori, che avranno diffusione dopo la sua morte.

Le opere


La produzione di Schubert è stata una delle più vaste. Ha scritto infatti più di seicento lavori per voce e pianoforte. Tra questi alcuni di essi sono “La bella mugnaia”, “Il viaggio d’inverno”, e “Il canto dei cigno”. Alcuni dei suoi Lieder (canzoni) più riusciti sono stati scritti per voci maschili nell’ usuale modalità a cappella. Schubert ha dedicato gran parte delle sue composizioni ad opere pianistiche tra le quali dodici sonate, otto improvvisi e sei momenti musicali. Oltre a questi, Schubert si è dedicato anche alla produzione per pianoforte a quattro mani. Egli è stato autore anche di opere teatrali, tra le quali la più importante è stata “Alfonso und Estrella”. Invece per quanto riguarda il suo repertorio “sacro”, Schubert ha scritto otto messe. Quelle più rilevanti sono state kyrie, gloria, credo, sancte, benedectus, agnus dei. Ma la più famosa è l’Ave maria.
Nonostante la sua fervente attività, nessuna composizione musicale di Franz Schubert è stata eseguita in pubblico mentre lui era ancora in vita. Il suo riconoscimento è avvenuto solo in seguito alla sua tragica morte. Il suo successo è avvenuto grazie a Mendelsohn, che ha deciso di far eseguire per la prima volta a Lipsia l’ottava sinfonia di Schubert. Franz Schubert è morto all’età di 31 anni, di febbre tifoide il 19 novembre 1828.

Sonia Faseli

Segui su Google News

Back to top button