L’imprenditore Ryan Cohen ha un progetto ambizioso in serbo per GameStop. Come riporta il sito Bloomberg, l’azienda di videogames ha l’obiettivo di diventare un concorrente di Amazon. Il valore dell’azienda di videogiochi è salito del 28% dopo la notizia dei piani di Cohen. Raggiungendo, così, una quota che non era stata più ottenuta da marzo 2019.

Grafico trend GameStop.
Evidenziato in verde osserviamo la crescita in seguito ai piani di Cohen – Photo credit: Bloomberg.com

GameStop si espande online?

Cohen è recentemente diventato il più grande investitore individuale dell’azienda. Infatti, ne ha acquisito una quota di quasi 10% e ha rivelato che sta trattando con il management e diversi membri del consiglio. L’azienda di Cohen (RC Ventures) vuole essere maggiormente coinvolta con la società per poter “produrre i migliori risultati per tutti gli azionisti”.

L’idea di Ryan Cohen è quella di ampliare la selezione online di GameStop e competere testa a testa con alcune delle maggiori società di e-commerce. Quindi, il sito web si occuperebbe di una gamma di prodotti tra videogiochi e gadget, più ampia e con una spedizione molto veloce, stesso punto di forza di Amazon.

Gamestop
Photo credit: dal web

GameStop contro Amazon: è possibile?

Sfidare Amazon sarebbe, ovviamente, una difficile battaglia. Infatti, nonostante la concorrenza, Amazon ha sempre aumentato le sue quote nell’e-commerce e EMarketer ne prevede una continua salita. Amazon ha una valutazione di mercato di quasi $1,5 trilioni, rispetto ai $570 milioni di GameStop.

Un analista di Loop Capital ha commentato l’ambientazione di GameStop:

“Ho difficoltà a prevedere come GameStop possa trasformarsi in un concorrente credibile di Amazon. Ci sono molte aziende con tasche molto più profonde di GameStop che hanno avuto difficoltà a competere con Amazon, e alcune sono a malapena in competizione con Amazon – Walmart, per esempio.”Anthony Chukumba

Amazon
Photo credit: dal web

Cosa vorrebbe fare Cohen con GameStop?

Ryan Cohen ha co-fondato l’azienda Chewy, e ne è stato amministratore delegato fino al 2017. Il punto di forza del sito e-commerce era la grande varietà di prodotti offerti. Ad esempio: pigiami per cani, pop-corn per pappagalli e anche selle per cavalli.

L’investitore ha in mente una varietà della stessa portata anche per GameStop. Inoltre, aspira a migliorare il servizio clienti dell’azienda e creare infrastrutture adeguate per offrire migliaia di articoli e servizi. Tra le idee di Cohen ci sarebbe quella di sfruttare meglio i servizi online. Ad esempio, permettendo agli utenti di scambiare i videogiochi usati, online piuttosto che solo negli store. Inoltre, pensare a più iscrizioni per lo streaming di videogames. I negozi fisici non verrebbero eliminati, ma l’attenzione sarebbe rivolta solo ai punti più prolifici.

Store GameStop
Photo credit: dal web

Un momento di risalita

Negli ultimi sei anni, le azioni di GameStop hanno continuato a scendere, ma in questo momento c’è una risalita del 44%. Questo periodo fortunato è dovuto all’aggiornamento di due importanti console: Xbox di Microsoft e PlayStation di Sony.

Queste entrambe nuove console possiedono ancora l’unità disco e questo rappresenta un ulteriore vantaggio per GameStop. Infatti, molti consumatori acquisteranno in store le copie fisiche dei videogiochi.

Nonostante il vento favorevole, le sfide per GameStop sono ancora molte. L’azienda ha già provato in passato a rinnovarsi, ma con poco successo. Quest’anno è comunque prevista una perdita netta (ed è la terza consecutiva), infatti, anche considerando l’aumento delle entrate sia per le festività sia per le nuove console, si prevede una diminuzione dei ricavi del 14%.

Seguici sui social: Facebook, Instagram.

© RIPRODUZIONE RISERVATA