Metropolitan Today

Giornata della Terra: cinquantesimo anniversario dell’Earth Day

Giornata della Terra, una delle più importanti manifestazioni e celebrazioni di livello mondiale. Per il cinquantesimo anniversario dell’Earth Day, numerose iniziative nonostante il lockdown attuale. Breve storia della manifestazione, eventi della stessa, e i fatti storici della giornata.

Giornata della Terra, origine

Il 22 aprile si celebra in tutto il mondo si celebra la Giornata della Terra: un mese ed un giorno dopo l’equinozio di primavera. Istituita nel 1969 da John Mc Connell, ecologista americano durante la Conferenza Di San Francisco. La prima Giornata della Terra si è tenuta il 22 aprile 1970 in America, per poi diffondersi in tutto il pianeta. La giornata ebbe il successo auspicato: coinvolse oltre 20 milioni di americani adducendo mobilitazioni importati atte alla protezione ambientale da parte del Governo USA. Non fu un evento che si celebrò solo in quell’anno: l‘Earth Day dilagò esponenzialmente tanto da divenire un appuntamento fisso annualmente festeggiato oggi in 192 Paesi nel mondo. Sotto il coordinamento dell’ Earth Day Network, l’evento continua tutt’ora a mobilitare le coscienze ecologiche per una giornata d’azione globale.

Giornata Mondiale della Terra 2020, gli eventi causa lockdown

Quella che prima era una celebrazione mondiale, oggi, a causa dell’emergenza sanitaria si mette al passo con l’attuale contesto storico: la celebrazione della Giornata Mondiale della Terra diventa digitale. E’ infatti in programma una maratona virtuale che per ventiquattro ore attraverserà il pianeta testimoniando gli impegni a favore dello stesso.

Giornata della Terra - Photo Credits: ohga.it
Giornata della Terra – Photo Credits: ohga.it

Il programma che ha lo scopo di sollecitare le coscienze individuali in modo responsabile, si intitola 24 Hours of Action: ogni ora verranno mostrate varie azioni che una persona può intraprendere a protezione dell’ambiente. In seguito su www.earthday.org verrà attivato un palinsesto fruibile di contenuti virtuali interattivi.

Climate Change, il tema per il cinquantesimo anniversario dell’Earth Day

Un’importanza fondamentale si darà alla tematica del cambiamento del clima: argomento impellente per questo cinquantesimo anniversario. Evidenze scientifiche molto nitide hanno sottolineato come l’operare degli umani sta incidendo negativamente sul clima accellerando il riscaldamento globale. Un dato allarmante, avvertono gli scienziati. Pare che si abbia poco più di un decennio per far rientrare gli impatti ed evitare che questo cambiamento investa la salute globale, la sicurezza e l’intera atmosfera.

Eventi storici della giornata

Nel 1370 a Parigi, si gettano le basi per la nascita della Bastiglia con la costruzione di due torri nei pressi di porta S.Antonio. E’ il 22 aprile 1509 quando, Enrico VIII d’Inghilterra succede al trono dopo la morte del padre, Enrico VII. Fu il fondatore della Chiesa Anglicana, nata in seguito allo scisma religioso che portò alla separazione dalla Chiesa Cattolica. Anno da ricordare il 1516 per la letteratura italiana, con la prima pubblicazione a Ferrara de l’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto. L’opera si colloca tra il ciclo carolingio e quello bretone, ispirata anche dall’incompiuto Orlando Innamorato di Matteo Maria Boiardo.

Novecento

Il 22 aprile 1915 si combattè la Seconda Battaglia di Ypres, in Belgio. Per la precisione furono quattro scontri separati: il primo tra i 22 ed il 23 aprile, fu la Battaglia di Gravenstafel. Alle 17:30, le truppe tedesche rilasciarono 168 tonnellate di iprite, un gas tossico, causando alle truppe inglesi 5.000 morti e 10.000 intossicati: è la nascita della guerra chimica. Trent’anni dopo alla fine della Seconda guerra mondiale Adolf Hitler nel suo bunker, ha appena appreso che le forze sovietiche sono entrate a Eberswalde senza necessità di combattere. Ammetterà la sconfitta affermando di essere intenzionato a suicidarsi.


Stella Grillo

Io sono ancora di quelli che credono, con Croce, che di un autore contano solo le opere. (Quando contano, naturalmente.) Perciò dati biografici non ne do, o li do falsi, o comunque cerco sempre di cambiarli da una volta all'altra. Mi chieda pure quello che vuol sapere e glielo dirò. Ma non le dirò mai la verità, di questo può star sicura. Italo Calvino
Back to top button