Metropolitan Today

Giornata Internazionale contro l’omofobia

Adv

La Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia è una ricorrenza istituita dall’omonimo Comitato. Atta a promuovere il contrasto alle discriminazioni, la lotta ai pregiudizi e la promozione della conoscenza riguardo a tutti quei fenomeni che, per mezzo dell’omofobia, della transfobia e della bifobia, perpetrano continue violazioni della dignità umana. Riconosciuta dall’Unione europea e dalle Nazioni Unite si celebra dal 2004 il 17 maggio di ogni anno. La data simbolica fa riferimento al 17 maggio 1990, giorno in cui l’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, eliminò l’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali.

Negli ultimi decenni moltissimi Stati hanno promulgato leggi per il riconoscimento delle persone e delle relazioni d’amore omosessuali. Sono però ancora ben 72 gli Stati, che hanno nel loro ordinamento restrizioni delle libertà civili e sociali. Tra questi, una decina prevedono la pena di morte. Da qualche anno le condizioni delle persone omosessuali sono migliorate e le organizzazioni internazionali, dall’Onu alla Ue, hanno scritto documenti importanti. Questi hanno dato forza a legislazioni contro ogni forma di discriminazione.

Giornata Internazionale contro l’omofobia, le leggi

Nella foto un richiamo all'uguaglianza photo credit: repubblica.it
Nella foto un richiamo all’uguaglianza photo credit: repubblica.it

Molto però c’è ancora da fare per superare i pregiudizi alimentati dalle tradizioni omofobe e l’omotransfobia ha ancora connotati molto allarmanti. Una piaga diffusa e ramificata che colpisce ogni strato sociale. I giovani e giovanissimi sono ancora oggi i più esposti ad aggressioni e discriminazioni di ogni tipo, in famiglia, a scuola, nei luoghi di divertimento e aggregazione.

Come sottolineato dal commissario per i diritti umani Dunja Mijatović l’Agenda 2030 richiede il raggiungimento universale degli obiettivi di sviluppo sostenibile che porteranno alla realizzazione del benessere per tutti. In particolare, l’agenda sottolinea il principio del “non lasciare nessuno dietro“, concentrandosi così sui più emarginati ed esclusi. Ciò richiede politiche per affrontare le disuguaglianze nell’Unione europea e a livello globale, comprese le forme di discriminazione e le barriere basate sull’orientamento sessuale.

di Loretta Meloni

Immagine di copertina (Giornata Internazionale contro l’omofobia) photo credit: catania.liveuniversity.it

Facebook

Instagram

Twitter

Adv
Adv
Adv
Back to top button