Cultura

Giovanna Lacedra: quando la prof è una performer

La docente di storia dell’arte conquista tutti

Amplexus Mater performance 2017 - Giovanna Lacedra - Ph. Marco Redaelli
Amplexus Mater – performance Giovanna Lacedra 2017 – photo credit Marco Redaelli

Giovanna Lacedra è una docente di storia dell’arte ma è anche una performer. Secondo i tanti alunni e i colleghi che nel tempo le hanno mostrato approvazione, questo è un valore aggiunto e in poco tempo la prof conquista tutti, dimostrando di essere una donna carica di empatia e di coraggio. Attualmente insegna al liceo scientifico Oriani, a Ravenna.

Giovanna si descrive come un’insegnante esigente ma, mentre chiacchieriamo con lei, appare un’anima ricca di quella sensibilità che solo una vita vissuta intensamente regala. E allora scompare quell’immagine austera che si era installata nella mente e che somiglia alla figura burbera e puntigliosa della nostra docente di liceo: pretenziosa e distaccata, senza sorriso, ormai erroneamente stereotipata. Un pensiero che diviene troppo spesso l’automatismo scontato d’immaginare un personaggio asettico che accontenti l’idea comune d’una professoressa seria, altrimenti poco degna del rispetto dei suoi alunni o dei loro genitori.

Clarescere Performance - Giovanna Lacedra 2019 - Photo Credit Antonio Delluzio
Clarescere Performance – Giovanna Lacedra 2019 – Photo Credit Antonio Delluzio

Eppure doveva essere morta da tempo quella convinzione antica che esclude la possibilità di mostrare se stesse, essere ciò che si è con la naturalezza di una devozione all’insegnamento che oltrepassa la vita privata e che arriva al sentire. 

Una professoressa, oggi, può permettere che gli alunni vedano la sua natura più intima?

Dal suo viso asciutto e dallo sguardo, traspare una determinazione contaminata di quella purezza che evade ogni dubbio: è un’artista. La prof Lacedra ha un passato costellato di progetti scritti e interpretati, fotografati, esibiti. I suoi lavori, indagano profondi stati d’animo e temi contemporanei espressi per mezzo del corpo. D’altra parte, non è proprio il corpo a fare da medium ad ogni nostro sentire? Non è per mezzo del corpo che vengono espresse le nostre emozioni, le angosce o le gioie? Non è il corpo che rende un abbraccio sincero, che indaga il gesto, che espone approvazione o disapprovazione?

Dall’ultima volta che sono nata - performance Giovanna Lacedra 2019 - photo credit Antonio Delluzio
Dall’ultima volta che sono nata – performance Giovanna Lacedra e Paola Turroni 2019 – photo credit Antonio Delluzio

“Far coesistere queste due personalità non è stato facile, ma non ho mai considerato l’ipotesi di una rinuncia. Essere docente mi fa pensare alla responsabilità e al fragile equilibrio che si instaura con i ragazzi. Essere una performer, è il lato artistico che non posso evadere. Portando avanti entrambe le attività con devozione e professionalità, nel tempo, mi sono resa conto di quanto fosse apprezzata questa mia ambivalenza. Colleghi e ragazzi erano incuriositi: sbirciavano su Facebook o sul mio profilo Instagram e leggevano le mie esperienze sul sito. Molti studenti, mi hanno confessato di essere attratti da questa mia attitudine e di apprezzarla. Piano piano, ho capito che poteva essere un valore aggiunto e un punto di forza. Oggi mi sento completa e realizzata.” Giovanna Lacedra

Io Sottraggo, una performance autobiografica

Noi vi lasciamo con un’immagine del 2015 che la ritrae mentre fa della sua anima nobile, un’esibizione corporale. Giovanna, in un periodo oscuro della sua vita, aveva sottratto al suo corpo energia vitale ma ne era uscita vincente e, contro ogni condizionamento, aveva poi trasformato in arte la patologia ormai da tempo sconfitta. “Io sottraggo” è una performance autobiografica che esprime la materializzazione di un sentire invadente e complesso: quello che emerge dai suoi diari personali e che tocca le corde di temi delicati, così presenti e nascosti, oggi, in troppe persone. A voi lasciamo le fotografie di un messaggio forte che fa di lei una donna contemporanea e una docente attuale, libera dai preconcetti e vicina al sentire di tanti. Grazie Giovanna!

Io sottraggo - performance Giovanna Lacedra 2015 - Magazzini criminali
Io sottraggo – performance Giovanna Lacedra 2015 – Magazzini criminali

“Per 15 anni ho vissuto in bilico sull’altalena dell’Anoressia-bulimia…ma ho deciso di scendere e provare a raccontarla ricreando quella prigione fatta da cibo, corpo e peso e uscendone ancora innumerevoli volte…” Giovanna Lacedra

Back to top button