Calcio

Giroud ed il Milan, il francese è carico: “Qui per lasciare il segno…”

Adv

Un campione d’Europa pronto ad aiutare Stefano Pioli ed il club rossonero mettendo in campo tutta la sua comprovata esperienza e le qualità indiscusse. Olivier Giroud si è presentato al Milan in conferenza stampa, dopo aver timbrato il cartellino contro il Nizza (1-1) nell’amichevole che lo ha visto esordire con la sua nuova società. Ed i tifosi già sognano una super coppia con Zlatan Ibrahimovic tutta potenza.

Giroud, il Milan scopre (ufficialmente) il suo nuovo ariete

Ecco le parole di Olivier Giroud nella sua prima conferenza stampa da calciatore rossonero. Durante la sua presentazione ufficiale, l’ex attaccante di Arsenal e Chelsea ha toccato diversi punti: dagli obiettivi personali e di squadra, passando per la convivenza con Zlatan Ibrahimovic e alla sua rivincita:

La concentrazione mentale è fondamentale nel calcio. Vorrei dare il mio contributo per aiutare le giovani promesse del calcio rossonere e far valere la mia esperienza. Vorrei essere per loro come un fratello maggiore e spiegare loro come sia importante lavorare duro. Senza sofferenza non ci si può mettere in gioco. Voglio essere un grande giocatore, ma anche una bella persona. Ed è per questo che cerco di aiutare le persone attorno a me comportandomi da professionista. Quanto ero giovane, mi ispiravo ai giocatori dell’Arsenal e del Milan. Tra i rossoneri ho sempre ammirato Jean-Pierre Papin, Shevchenko e Van Basten. Sono orgoglioso di giocare nel Milan. È un grande onore giocare in un club dove hanno giocato grandi giocatori come Maldini. Parlare con lui è stato un altro sogno realizzato“.

Prima di tutto vorrei dire che è un grande onore poter giocare insieme a un grande calciatore come Ibra. E’ il mister però che disegnerà la squadra e spetterà a lui decidere come giocheremo e la formazione. Penso che sia semplice avere una buona intesa con giocatori come Zlatan e penso che possiamo essere complementari indipendentemente dal modulo. Ibra ha una grande personalità. Sono sicuro che saremo un’ottima coppia e non vedo l’ora di scendere in campo con lui. Sono arrivato con umiltà al Milan e per lavorare duro. Sarà Pioli a decidere. Potrà contare su due attaccanti con qualità differenti. È un argomento che preoccupa molti, ma io non sono l’allenatore e non so dire molto da un punto di vista tecnico o tattico su me e Ibra. Ma ripeto che non vedo l’ora di allenarmi con Zlatan. Posso adattarmi a tutte le situazioni e non è impossibile vederci giocare insieme secondo me. Potremmo avere un’ottima intesa con le nostre caratteristiche complementari. Ibra ultimamente agisce più da play in attacco e potremmo divertirci a giocare insieme. Ma non è questa la questione più importante. Non si parla di Ibra o Giroud, ma di una squadra con tanti buoni giocatori. Vogliamo dare il massimo per questa squadra. Più opzioni abbiamo, meglio è“.

Obiettivi personali e del Milan

Sono qui per segnare e lasciare il segno come ho fatto nelle squadre in cui sono stato. Voglio vincere col Milan. Per quanto riguarda i miei obiettivi personali, non ho numeri precisi relativi ai gol che vorrei segnare. E ad ogni modo non lo rivelerei per non avere ulteriori pressioni. Di sicuro vorrò segnare il più possibile e ottenere il massimo per il club. Penso che il Milan sia uno dei migliori club in Europa anche se negli ultimi anni non ha giocato in Champions. Ora è tornato al top. Credo in questo progetto e sono qui per questo. Ci sono tanti giovani di qualità e calciatori esperti come me. Possiamo fare bene in Champions. Affronteremo questa competizione con determinazione. Per me è importante giocare la Champions col Milan e sono orgoglioso di farlo“.

La maglia nove? Non sono molto superstizioso. Non credo che giocare bene o male dipenda dal numero che si indossa sulle spalle. Il nove del Milan l’hanno avuto grandi giocatori come Inzaghi, Van Basten e Papin, ma questo non mi mette pressione. Non mi spaventa, mi piace il numero nove. Hakim Ziyec è un grande calciatore anche se non abbiamo giocato molte gare insieme. Tecnicamente è molto forte e ha esperienza. Più giocatori di qualità ci sono nel Milan, meglio è. Sarò felice se potrò giocare anche con lui“. 

Seguici su Metropolitan Magazine

Credit foto: Pagina Facebook Bleacher Report Football

Adv
Adv
Adv
Back to top button