12.7 C
Roma
Aprile 21, 2021, mercoledì

Giuseppe Conte verso le dimissioni, salirà al Quirinale questa mattina

- Advertisement -

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, salirà al Quirinale questa mattina. Dopo un passaggio in Consiglio dei ministri, convocato per le 9, il premier andrà dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per rassegnare le dimissioni. L’ipotesi più probabile: un reincarico per un “Conte ter”.

I capigruppo di Camera e Senato del Movimento 5 Stelle, Davide Crippa ed Ettore Licheri, hanno spiegato la posizione del M5s. “Il passaggio per il cosiddetto Conte ter è ormai inevitabile ed è l`unico sbocco di questa crisi scellerata. Un passaggio necessario all`allargamento della maggioranza. Noi restiamo al fianco di Conte, continueremo a coltivare esclusivamente l`interesse dei cittadini, puntiamo a uscire nel più breve tempo possibile da questa situazione di incertezza che non aiuta. Dobbiamo correre sul recovery, seguire il piano vaccinazioni, procedere immediatamente ai ristori per le aziende più danneggiate dalla pandemia. Il MoVimento, insomma, c`è, ed è pronto a fare la sua parte”.

Poco prima che Conte tracciasse la road map di quello che sarà un martedì di fuoco, aveva parlato il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, il quale ha voluto sottolineare come non siano stati i dem a far precipitare l’italia in una crisi di governo tuttora al buio. “Il Partito democratico non ha mai puntato, non punta e non vuole le elezioni politiche anticipate. Fatemi dire che in questi mesi alle nostre spalle il Pd è stato la forza che più si è spesa per evitare le elezioni, garantendo con uno spirito unitario e di responsabilità una buona qualità di governo. È stata la scelta di Renzi, con l’apertura della crisi che ha materializzato il rischio di scivolare verso le elezioni anticipate. Proprio perché non c’è stata la pazienza di salvaguardare il percorso di governo, tutte le posizioni si stanno irrigidendo. Questa è una situazione dalla quale noi dobbiamo uscire, ma è stata l’apertura della crisi che ha aperto quello che io giudico un rischio, che va in tutti modi evitato. Per evitarlo il Pd sta lavorando per garantire un governo che deve essere autorevole con una base parlamentare ampia e di forte impianto europeista”.

Sono stati giorni di febbrili trattative gli ultimi passati da Giuseppe Conte e dalla maggioranza che sostiene il governo Conte bis. Dopo la maggioranza assoluta incassata alla Camera, era stato il voto al Senato, a cui erano mancato i 17 voti di Italia Viva, a far capire che il sentiero del governo si era fatto troppo stretto. I 156 sì di Palazzo Madama non sarebbero bastati giovedì, quando Guardasigilli, Alfonso Bonafede, era atteso in Senato per la consueta relazione di inizio anno sulla Giustizia. Senza i voti di IV (che sarebbe presumibilmente passata dall’astensione al voto contrario) e senza quello dei centristi, oltre ad esempio a quello di Sandra Lonardo o, probabilmente, di Monti e Casini, il governo sarebbe andato sotto (il Centrodestra infatti avrebbe votato compatto contro Bonafede così come i centri dell’Udc). Ecco, quindi, che la strada di Giuseppe Conte ha imboccato l’unica via percorribile: quella delle dimissioni. M5s e Pd, almeno fino a questo momento, hanno manifestato l’intenzione di stringersi intorno al premier, considerato isostituibile. E’ quindi probabile che Mattarella dia un nuovo incarico a Conte. Con quali prospettivi? Si allargherà la maggioranza tanto da ottenere la fiducia di entrambe le Camere con l’obiettivo di portare a termine la legislatura? Lo deciderà il Capo dello Stato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -