Il Riviera Golf Club (California) ha usufruito di un prestito statale per far fronte ai mancati introiti dovuti al Coronavirus, il circolo però potrebbe aver sfruttato delle conoscenze interne al Governo per ricevere il denaro.

Il golf club era eleggibile per gli aiuti finanziari?

Il Riviera Golf Club ha ricevuto una somma stimata tra i 2-5 milioni di dollari grazie al Paycheck Protection Program che prevede un presto con bassissimo tasso d’interesse. Il denaro in questione è riservato alle aziende con meno di 500 dipendenti ma il proprietario del Golf Club, Noboru Watanabe, darebbe lavoro a più di 2000 persone tra USA e Cina (secondo il suo profilo Linkedin).
Il circolo potrebbe aver tratto vantaggio grazie al suo socio Steven Mnuchin, attuale Segretario del Tesoro degli Stati Uniti, che parrebbe l’intermediario della vicenda. La sua membership non è ufficialmente confermata ma diverse fonti come USA Today e Daily Beast sostengono che il politico sia fin troppo presente al circolo per non esserne socio.

golf club
Steven Mnuchin alla Casa Bianca
Photo Credits: Kevin Lamarque | Reuters

Le conseguenze del prestito

Il “prestito illegittimo” non è un caso isolato al e lo sfruttamento delle conoscenze interne al Governo ha toccato diversi politici, di quasi tutti i partiti (per approfondire clicca qui).
Il Riviera Golf Club ha dichiarato che l’aiuto statale ha preservato 159 posti di lavoro e non ha menzionato alcun collegamento con il Segretario del Tesoro Americano. Per ora il prestito non viene modificato ma la sua revoca potrebbe avere conseguenze spiacevoli, sia per il club sia per le persone coinvolte nell’affare. Mnuchin potrà quindi continuare a visitare il circolo, così come altre personalità altisonanti tra cui: Tom Brady, Jack Nicholson, Adam Sandler e Mark Wahlberg.

Per rimanere aggiornati seguite la Nostra Pagina Facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA