Il virus che sta spaventando la Cina (e non solo) che effetti può avere sulle Olimpiadi? Scopriamolo insieme…

Golf e coronavirus – The show must go on?

Golf e coronavirus – Il 24 luglio di quest’anno, si apriranno i 32esimi Giochi Olimpici dell’era moderna. Ci sarà anche il golf, per la seconda volta consecutiva, dopo il ritorno ai Giochi di Rio de Janeiro. Il coronavirus sarà un deterrente come lo fu lo Zika nel 2016?

Golf e coronavirus: come Zika nel 2016, la paura del contagio fermerà molti big?
Photo Credit: PGA Tour

Cos’è il coronavirus

Il coronavirus è un virus, appunto, che causa infezioni e disturbi respiratori, molto spesso in forma lieve. In caso di soggetti già immunocompromessi, potrebbe aggravare ulteriormente le condizioni di salute, fino a causare il decesso. È trasmissibile da persona a persona, stando a stretto contatto con un paziente infetto. I primi sintomi compaiono all’incirca entro 15 giorni. Al momento non esiste vaccino o antibiotico specifico contro il Coronavirus.

La mappa del contagio

Ad oggi, in Giappone, sono stati registrati 20 casi di contagio da Coronavirus. Tra cinque mesi, nel Paese del Sol Levante inizieranno le Olimpiadi e non è così remota la possibilità di importanti defezioni da parte degli atleti.
Nel 2016, quando le Olimpiadi si disputarono a Rio de Janeiro, l’allarme per il virus Zika comportò l’autoesclusione di nomi illustri del golf, tra i quali: Leishman, Vijay Singh, Adam Scott, Schwartzel, Oosthuizen, Rory McIlroy, Jason Day, Shane Lowry, Jordan Spieth, Dustin Johnson ed il nostro Francesco Molinari, per citarne alcuni.

Mappa del contagio del coronavirus – Photo Credit: World Health Organization

La scoperta che fa ben sperare

Il 2 febbraio scorso, un team di ricercatori, (tra le quali le nostre dottoresse Francesca Colavita e Concetta Castilletti) è riuscito ad isolare il virus. Questo comporta il primo passo verso il vaccino, diagnosi più accurate e cure mirate. Non è ancora una vittoria, ma una grandissima opportunità per combattere questo temutissimo virus.

Golf e coronavirus: Verso Tokyo 2020

Mancano 5 mesi all’apertura dei Giochi, la speranza è che i ricercatori riescano a tenere totalmente sotto controllo il virus. Sarà una battaglia molto lunga, ma non è utopistico sperare che a Tokyo 2020 il golf sarà finalmente protagonista, coi suoi rappresentanti più illustri. Golf e Coronavirus, l’importante è partecipare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA