Sport

Golf e Coronavirus in Irlanda: arrivano nuovi sussidi

Dopo la crisi che ha colpito i golf club in Irlanda, lo scenario torna a farsi pesante a causa delle restrizioni dovute al Coronavirus. Il Paese si era ben comportato per supportare i circoli e, in questi giorni, sono stati predisposti dei nuovi fondi per aiutarli.

Golf e Coronavirus in Irlanda: arrivano nuovi sussidi
Bandiera irlandese sventolata durante il giro finale dell’Open Championship 2019. Photo Credits: Matthew Lewis/R&A via Getty Images

Il coronavirus limita il golf in Irlanda

Dal 22 ottobre tutte le strutture sportive d’Irlanda, escluse quelle scolastiche, hanno dovuto chiudere temporaneamente, compresi golf club e driving range. Le restrizioni imposte dal “livello 5” di pandemia stanno provocando un danno importante ai circoli che potranno, quindi, usufruire di un fondo speciale della “Sport Ireland Resilience Fund”. La somma destinata ai club sarà di 2.700.000 euro ai quali si aggiungono 30.000 euro da utilizzare per una serie di corsi di formazione online. Proprio questi ultimi saranno frequentabili da diverse persone affiliate ai circoli tra cui lo staff, i professionisti PGA ed anche i volontari. Ultimo nodo da sciogliere è quello dei criteri da soddisfare per poter usufruire di questi sussidi, a riguardo si è pronunciato il direttore diGolf Ireland”:

“Lavoreremo strettamente con Sport Ireland nelle prossime settimane per finalizzare i criteri qualificativi per poter utilizzare i fondi. Comunicheremo tutto ai golf club il prima possibile.”

Altri sussidi e un trend negativo

Questi aiuti economici non sono però gli unici ad arrivare in soccorso dei golf club, difatti dalla settimana scorsa sono a disposizione 497.000 euro elargiti dal “R&A Covid-19 Fund”. Ciò dimostra che le varie associazioni di categoria ed enti governativi si stanno muovendo per non far soffrire in maniera eccessiva quello che è uno sport, purtroppo, in un momento negativo anche in Irlanda. Tendenza che continua dal 2007 secondo un’indagine di “Sport for Business”: tredici anni fa il 5.2% della popolazione giocava abitualmente a golf mentre nel 2020 la percentuale è scesa al 3.3%, diminuzione che si è resa importante soprattutto negli ultimi due anni e quindi non ascrivibile esclusivamente al Coronavirus.

Per conoscere le perdite dei golf club irlandesi vi rimandiamo a questo articolo.
Per rimanere aggiornati seguite la Nostra Pagina Facebook.

Back to top button