Musica

Gianluca Grignani, il rock e lo Zen

E’ “Dimmi cos’hai” il nuovo singolo di Gianluca Grignani. Si tratta della seconda canzone, dopo “Tu che ne sai di me”, uscita nella notte di Capodanno, che andrà a confluire nel prossimo progetto discografico. Tre album con sessanta pezzi che faranno parte di una trilogia dal titolo “Verde smeraldo”. La prima parte vedrà la luce in autunno. Un lavoro importante, maturato in sei anni di assenza dalla scena musicale.

Gianluca Grignani versione Zen

In “Dimmi cos’hai” Gianluca torna in versione sorprendentemente Zen. Sulla cover, realizzata per rappresentare la nuova canzone, è ritratto nel suo giardino, in posizione di meditazione, immerso in un paesaggio primaverile con un’esplosione floreale che, inevitabilmente, simboleggia una rinascita. Un augurio personale e collettivo. Il segno che qualcosa è cambiato. Ora l’irruenza ha lasciato spazio alla maturità e a nuove stagioni della vita. Nuove ispirazioni, in una dimensione diversa che affonda sempre e profondamente le radici nel rock. Così le note della sua chitarra non tradiscono, come anche la voce graffiante e inconfondibile. L’anteprima del pezzo è già su Instagram e da domani sarà disponibile su tutte le piattaforme digitali e in rotazione radiofonica.

Gianluca Grignani pubblca il singolo “Dimmi cos’hai” – Photo Credits: La voce di Novara

In programma una ripartenza in grande stile, anche con dei concerti in acustico, a Milano e a Roma, che, in un primo momento previsti ad aprile, sono ora in calendario ad ottobre. Grignani ha da poco festeggiato i venticinque anni di carriera con una copia speciale del suo primo album. Per celebrare il tempo trascorso da quel primo Festival di Sanremo del 1995, dove esordì nelle Nuove Proposte, “Destinazione Paradiso” è stato pubblicato per la prima volta in vinile, anche in versione doppio LP Deluxe numerato, con foto autografata. Gianluca guarda con tenerezza al ragazzo che era. Ritiene di essere diventato, dopo le numerose e talvolta dolorose esperienze che ha vissuto, un’altra persona, sicuramente migliore, come ha dichiarato a Mara Venier in una recente intervista, e la sua musica lo dimostra.
Seguici su Metropolitan Magazine e Metropolitan Music

Back to top button