La gente comune quando nasce come un libro di pagine bianche senza titolo. Nessuno conosce la storia che verrà raccontata da lì in avanti.
Il tempo, la passione, la curiosità, le persone che fanno parte del quotidiano sono l’inchiostro di ognuno. A volte, però, nasce prima il titolo che il contenuto del libro… come nel caso di Hale Irwin. Scrittura in calce: Sport.

Hale Irwin
Hale Irwin come quarterback alla CU-Boulder, Colorado.
Credits Photo: Golf Channel

Hale Irwin: un fenomeno già da ragazzo

Nato il 3 Giugno 1945 a Joplin, nel Missouri, Hale Irwin cresce prima a Baxter Springs e successivamente a Boulder, Colorado.
Suo padre inizia a farlo giocare a golf all’età di 4 anni in un campo di 9 buche vicino a casa.
Nonostante sia quasi un autodidatta all’età di 14 anni gioca già la sua prima partita sotto i 70 colpi. Ma per uno cresciuto con lo spirito combattivo di chi vuole e deve attaccare sempre, questo non deve meravigliare.
Vince il suo primo titolo individuale nel 1963 alla scuola superiore, mentre guida la Boulder High al campionato a squadre.
In seguito, Irwin vince tre campionati consecutivi Colorado Golf Assocation Stroke Play (1963, 64 e 65) e la corona CGA Match Play nel 1966.
Ma non c’è solo il golf, anzi, è il football a garantirgli una borsa di studio all’Università del Colorado.

Football VS Golf

Il football americano ed il golf sono due sport che hanno pochi punti di contatto, o meglio, il primo ne ha molti ed il secondo nessuno.
Uno sport di fisico rabbioso e l’altro di calma mentale. Il primo mantiene insieme una squadra, il secondo insegna a non crollare su se stessi.
Per questo motivo, come Hale Irwin ribadisce in più occasioni, ha dovuto “sforzarsi” per eccellere: convivere con due spiriti opposti impegnandosi in entrambi.
Irwin ci riesce, non solo passa da essere un Quarterback a diventare un Defensive back, ma è per due volte un All-Big Eight, nonchè un All-America.
Al contempo nel 1967 si aggiudica il campionato NCAA di golf.

Hale Irwin
Hale Irwin durante il campionato nazionale NCAA
Credits Photo: Colorado Buffaloes

PGA Tour e Majors

Hale Irwin, al termine dell’università decide che è il Golf lo sport che gli darà il successo e così l’anno successivo, il 1968, diventa professionista.
In 23 anni di PGA Tour ottiene 17 vittorie e 3 Major. Inizia nel 1971 con il Sea Pines Heritage Classic. Dimostrazione che per uno come lui più le cose (in questo caso i campi) sono difficili e meglio è.
Ma anche quando non riesce a vincere Irwin è comunque tra i migliori, tanto che fra il 1975 e 1978 ottiene una striscia di 86 tagli consecutivi superati.
Davanti a lui ci sono solo tre nomi: Byron Nelson, Jack Nicklaus e Tiger Woods.
A suggellare la sua carriera ci pensano i 3 U.S. Open vinti. Il primo arriva nel 1974, all’età di 29 anni.
Ma è l’ultimo Major che ancora una volta rivela il football nel golf di Hale Irwin: si vince sforzandosi all’attacco.
Infatti nel 1990 all’età di 45 anni vince il suo terzo U.S. Open ed è tutt’ora il giocatore più anziano ad aver vinto il torneo.

Hale Irwin: dominio ovunque

Il record di età come vincitore dello U.S. Open o l’ultima sua vittoria nel 1994 all’età di 49 sul PGA Tour, sono solo alcuni dei suoi innumerevoli meriti.
Hale Irwin è tra i pochi giocatori a poter annoverare una vittoria professionistica su ogni continente: Africa, Australia, Asia, Europa e America (sia Nord che Sud).
E tutto ciò, ai suoi occhi, deve essere sembrata solo la metà campo. Perché sul Senior Tour vince altri 45 tornei, e a 75 anni i campi non smette ancora di calcarli.
Per restare aggiornati seguiteci sulla Nostra Pagina Facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA