Cinema

I numerosi talenti di Sabrina Impacciatore

Di talenti come Sabrina Impacciatore se ne vedono pochi; le sue interpretazioni, sia comiche che drammatiche, colpiscono ogni volta e ci fanno capire quanto quest’attrice sia importante per il presente e il futuro dei nostri schermi.

Romana nata da padre abruzzese e madre sarda, ha studiato recitazione tra New York e la Capitale. Il suo carisma attira l’attenzione dell’autore e regista televisivo Gianni Boncompagni; da lì, tanti successi per la Impacciatore, che viene sempre più considerata per varie partecipazioni in programmi tv e al cinema, non abbandonando il teatro, suo primo amore.

Sabrina Impacciatore: gli esordi sugli schermi

Non ancora maggiorenne, grazie a Boncompagni, l’attrice diventa la ragazza pon pon a Domenica In e ha la possibilità di animare scenette comiche durante il gioco ‘Cruciverbone’. Conclusi gli studi, nel 1993 lavora alla redazione dello spin-off di Non è la Rai Rock ‘n’ Roll; qui cura l’angolo della posta e, nel biennio successivo, si esibisce con sketch comici e come cantante. Nel 1997 partecipa su Rai2 al programma tv d’intrattenimento Macao ed è una delle protagoniste della sitcom “Disokkupati”.

Negli anni 2000 passa a La7 e conduce la trasmissione di approfondimento cinematografico “La valigia dei sogni”. Alla televisione, la Impacciatore affianca anche il cinema; vince, infatti, il premio come miglior attrice non protagonista al Flaiano Film Festival per “L’ultimo bacio”, pellicola del 2001. Successivamente, riceve due nomination ai David di Donatello per i film “N – Io e Napoleone” (2006) e “Signorinaeffe” (2007).

Il successo al cinema e i riconoscimenti

Dopo qualche anno di assenza, l’attrice torna al cinema con il film di Gabriele Muccino “Baciami ancora” ed è la prima donna in assoluto a condurre il Concerto del Primo Maggio. Tra il 2013 e il 2015 è tra le protagoniste delle pellicole “Amiche da morire” di Giorgia Farina, “Pane e burlesque” di Manuela Tempesta e “Sei mai stata sulla luna?” di Paolo Genovese. Di recente l’abbiamo vista sul grande schermo con “A casa tutti bene”, vincitore del Nastro d’Argento per il miglior cast, e “7 donne e un mistero” di Alessandro Genovesi.

Oltre ai già citati riconoscimenti ottenuti, Sabrina Impacciatore è stata candidata come miglior attrice non protagonista al Nastro d’Argento per le pellicole “L’ultimo bacio”, “Concorrenza sleale”, “Al cuore si comanda” e “N – Io e Napoleone”. Nel 2007 e 2013 ha vinto due Ciak d’oro e ci auguriamo che nella sua carriera tra cinema, televisione e teatro possa ricevere ancora tante soddisfazioni.

Flavia Carrogu

Seguici su Google News

Back to top button