Cultura

Il 3 giugno è l’anniversario della morte di Johann Strauss, il re del valzer Sul bel Danubio Blu

Adv

Johann Strauss è stato un musicista e un compositore di valzer, tra i quali quelli che lo ha reso celebre, intitolato Sul Bel Danubio blu. Questo valzer è stato ispirato ad una poesia di Karl Isidor Beck, che nella sua ritmica ripeteva spesso “Per il bellissimo Danubio blu”.

L’origine del valzer “Sul bel Danubio blu”

Sul bel Danubio blu di Strauss è diventato uno dei simboli di Vienna, e proprio per questo viene suonato alla conclusione di ogni concerto di Capodanno. Strauss ha composto questo brano non come un solo valzer, ma come un insieme di cinque valzer legati tra loro. L’origine di quest’opera risale al luglio 1865, ma viene eseguito per la prima volta soltanto a febbraio di due anni dopo. L’occasione era stata organizzata dall’Associazione maschile di Vienna di Johann Herbeck, che aveva chiesto a Strauss una musica per il festival estivo. Il musicista, appena tornato da un periodo di riposo termale, non aveva accettato immediatamente. Il valzer ha preso vita solo due anni dopo, nel 1867.

La struttura del valzer

Sul bel Danubio blu è il primo valzer di Strauss, che prevede anche una parte cantata ad accompagnare il sottofondo musicale. Il testo in questione è stato affidato a Josef Weyl. Nel suo scritto Weyl mostra il suo lato satirico, ridicolizzando la guerra persa dall’Austria. Nel 1890 il testo del valzer viene sostituito con quello scritto da Franz Von Germeth, consigliere della corte d’appello. In questo caso il testo iniziava con il verso “Danubio così blu”. In realtà l’opera musicale non accenna mai al colore blu del Danubio. Oggi il valzer è solo suonato, ma i versi scritti nel titolo sono quelli originari.

Il successo del valzer di Johann Strauss

Con il suo valzer, Strauss ha contribuito a determinare una svolta non soltanto nella composizione musicale, ma anche nella diffusione del ballo durante le feste borghesi ottocentesche. Parigi è stata la prima città a celebrare il valzer di Strauss durante il periodo di Napoleone III. L’hanno seguita Londra e infine Vienna.

Sonia Faseli


Adv
Pulsante per tornare all'inizio