Sport

Il Manuale Azzurro 2020 è online: le novità

Straordinario risultato per il nuovo responsabile dell’attività giovanile di Federgolf Matteo Del Podio: il Manuale Azzurro 2020 viene pubblicato prima dell’inizio della stagione, non era mai successo!

Sicuramente l’esperienza maturata in campo internazionale ha consentito a Del Podio di porre i necessari paletti a quelle regole che fino ad oggi, oltre ad essere difficili e discutibili, arrivavano dopo che già si era disputata parte della stagione. In effetti nessuno si è mai lamentato più di tanto di questa dilazione di uscita del Manuale Azzurro ma avere le indicazioni prima della competizione è aspetto essenziale per ogni Sport; specie Olimpico!

Prime valutazioni

Ad una prima lettura emerge chiara la ricerca di suddividere abbastanza nettamente le attività per classi di eta (Under 12, 14, 16 e 18) con circuiti dedicati e anche ben Strutturati. Per far questo si affida all’organizzazione u.s.Kids la gestione quasi totalitaria dell’attività dei più giovani (under 12) cercando di adattare il sistema americano alle gare italiane nella speranza di attirare sempre di più l’attenzione giovanile.

Si creano poi altri 2 circuiti dedicati alle altre categorie: “Saranno Famosi” e “Teodoro Soldati”. Qui avremo gare dedicate -comunque frequentabili da ogni categoria giovanile- ed i nuovi Trofei Giovanili Federali che soppiantano le vecchie gare di due giorni. La grande novità è che il numero di questi tornei è assegnato ai vari comitati regionali in base al numero dei giovani tesserati compresi nella zona: più tesserati = più gare.

Ranking

La grande novità che si riscontra nel Manuale Azzurro 2020, è tuttavia il nuovo computo dei risultati per determinare il ranking. Infatti adesso si privilegia la posizione in questa classifica senza indicare alcun limite nè di Handicap nè di media score. Questa media verrà redatta sui “migliori giri” effettuati, giri che per comparire nel ranking, dovrà essere pari al numero di anni d’età dell’atleta.

Photo Credits: U.S. Kids

Così, per apparire in classifica, un 16enne dovrà completare almeno 16 giri, ovvero un 14enne 14 e così via. Qualora incappi in una successiva “giornata storta” non dovrà preoccuparsi più di tanto poiché potrà scartare subito lo score peggiore senza attendere (come succedeva prima) di effettuarne altri 9 migliori! Un bel cambio di visuale e soprattutto di obiettivo: stimolo per provare sempre a giocare al massimo invece di vivacchiare con tanti piazzamenti.

Dopo la modifica di queste tabelle (per stessa ammissione FIG potranno essere suscettibili a cambiamenti in corso d’opera), si passa alle norme per l’attribuzione dei vari Brevetti: Base, Giovanile e Nazionale.
Pare che a partire dal giugno 2020 avremo una vera inflazione di Brevetti con i giovanissimi che la faranno da padrone, avendone diritto quasi a prescindere da ogni risultato: basterà essere presenti sul ranking.

Brevetto, perché?

La domanda non è retorica ma vuol solo stimolare la riflessione: tutti questi Brevetti a chi servono? perché se andiamo leggere le agevolazioni spettanti…paiono addirittura più limitate rispetto ai tempi passati. Praticamente adesso viene anche limitato in qualche modo l’accesso ai Circoli per l’allenamento saltuario e non collegato alla prova campo di qualche gara!
Prima si poteva provare qualche campo – anche in previsione di un futuro campionato- tre o quattro volte durante l’anno, adesso è più complicato. E la differenza per le altre agevolazioni fra i vari brevetti? Trascurabile, veramente trascurabile!
Infine rileviamo la possibilità -demandata ai Comitati- di istituire un Brevetto Zonale per i ragazzi sopra ai 18 anni e fino ai 24. Questo pare veramente poco rispetto all’attesa che si era venuta a creare per sostenere l’importante attività di questi giovani che attualmente, in grande numero, appendono la sacca al chiodo appena dopo la maggior età. Non si parla di partecipazione ad alcuna gara giovanile ne tantomeno di circuiti creati per loro. Veramente troppo poco.

Qui si aggancia il discorso GIF (Giocatore di Interesse Federale) per il quale non si trova ancora alcun riferimento normativo e le nomine avvengono…non si sa come.

Ultima edizione Azzurri & Friends in memoria di Teodoro Soldati Golf Club Monticello. Credit Tgcom24

Senza parlare del Brevetto Nazionale: nessuna indicazione per rientrare nelle varie compagini della squadra azzurra, possibile che non ci siano posizioni di ranking, ODM o selezioni per farsi notare? Sicuramente i vari commissari tecnici terranno conto di alcuni risultati, ma allora perché non comunicarlo prima?

Per altri articoli sul golf cliccate qui

Back to top button