CronacaInfoGeek

In Via di Disastro

Un recente studio riguardante un ampio numero di specie di vertebrati ha osservato che di 177 specie di mammiferi studiate in dettaglio, tutte hanno perso il 30% o più della propria estensione territoriale e più del 40% di esse ha subito una drastica riduzione (più dell’80%) dell’areale di distribuzione.

Ma non è normale che le specie si evolvano e si estinguano? La risposta semplice è: ovviamente sì, ma il problema è più complesso (e grave) di quanto non sembri.

Stime conservative hanno calcolato che nell’ultimo secolo si sarebbero estinte almeno 200 specie di vertebrati: questo significa un tasso di estinzione di più o meno 2 specie ogni anno dall’inizio del secolo scorso. Per farsi un’idea di quanto sia catastrofico questo numero basti pensare che al tasso di estinzione del periodo tra l’ultima estinzione di massa e il presente perché` si estinguessero lo stesso numero di specie ci sarebbero voluti circa 10000 anni!

Secondo i dati dell’IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione Naturale) delle circa 27600 specie di vertebrati in esame, il 32% (~8800) sta subendo o ha subito una diminuzione dell’areale di distribuzione (e quindi una riduzione della popolazione); gli invertebrati non se la passano certo meglio, delle circa 3600 specie di invertebrati terrestri e delle circa 1300 marini rispettivamente il 42% e il 25% sono classificate come a rischio estinzione.

In Via di Disastro
Collezioni del Museo di storia naturale di Los Angeles
La perdita di biodiversita` e` un danno enorme per il pianeta e per le attivita` umane

La perdita di biodiversità è un danno enorme poiché` mette a rischio, indebolendoli, gli ecosistemi (spesso con un danno diretto o indiretto anche per l’uomo) ma anche perché ogni specie estinta rappresenta una perdita irreversibile e non per zoologi con l’elmetto da esploratore; la biodiversità riflette diversità genetica che permette alle specie di adattarsi in tempo utile ai cambiamenti evitando l’estinzione.

Secondo uno studio pubblicato il mese scorso, il tasso di estinzione dei mammiferi è di gran lunga più elevato di quello di speciazione, questo significa che i mammiferi non sono in grado di tenere il passo con i cambiamenti climatici e dei loro habitat e si stanno estinguendo. Gli scienziati hanno calcolato che se anche riuscissimo a riportare i tassi di estinzione a livelli precedenti l’intervento antropico, ci vorrebbero milioni di anni per sostituire la biodiversità perduta.

Stiamo vivendo un momento critico della storia della nostra specie e del mondo intero

E` un evento che non si vedeva dalla fine del Cretaceo (circa 65 milioni di anni fa – e tutti sappiamo com’è andata a finire quella volta): stiamo vivendo la sesta estinzione di massa nella storia della vita sulla terra e, se servisse sottolinearlo, ne siamo in buona misura i responsabili.

Matteo Bonas

Bibliografia:

Ceballos, G., Ehrlich, P. R., & Dirzo, R. (2017). Biological annihilation via the ongoing sixth mass extinction signaled by vertebrate population losses and declines. Proceedings of the National Academy of Sciences, 114(30), E6089-E6096.

Davis, M., Faurby, S., & Svenning, J. C. (2018). Mammal diversity will take millions of years to recover from the current biodiversity crisis. Proceedings of the National Academy of Sciences, 115(44), 11262-11267.

Back to top button