Calcio

Isco, l’ombra della Juventus sul talento del Real Madrid

Isco (Getty Images)
Isco (Photo by Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)

La Juventus è intenzionata a portare Isco a Torino nella prossima sessione di calciomercato. Il trequartista spagnolo è da tempo sul taccuino dei bianconeri, e mai come in questo momento la trattativa appare fattibile. Archiviata la gara d’esordio in Champions League (0-2 ai danni della Dinamo Kiev), la Juventus si è catapultata sulle trattative monitorando attentamente le ultime notizie provenienti dalla Spagna. L’ex Malaga, classe 1992, non sta attraversando un buon periodo nel Real Madrid. Nell’ultima partita persa dagli spagnoli della capitale contro il Cadice, l’iberico non ha brillato, risultando tra i peggiori dei Blancos di Zinedine Zidane.

Isco è il sogno di Andrea Pirlo e della Juventus

Secondo “El Chiringuito“, da sempre vicino agli ambienti del Real Madrid, sia lui che Marcelo (altro obiettivo della Juventus) sarebbero in rotta con il resto del gruppo, accusati di scarso impegno. Il terzino brasiliano può arrivare, come detto anche nelle scorse settimane, anche a parametro zero. Capitolo Isco: il Real Madrid potrebbe lasciarlo partire a prezzo di saldo. Sarebbero 40 milioni chiesti da Florentino Perez per il cartellino del numero 22. Un prezzo alto, considerando la situazione finanziaria del club bianconero, ma risulterebbe, comunque, un affare se si considera il valore di calciomercato del giocatore fino a pochi mesi fa.

Il giocatore percepisce uno stipendio netto di quasi sette milioni di euro annui, con un contratto a scadenza nel 2022. Isco a Torino gode della stima non solo della dirigenza, ma anche del tecnico Andrea Pirlo, che vede in lui il giocatore adatto per far girare l’ingranaggio del suo centrocampo. Per il momento la Juventus osserva la situazione. Nel caso, la rottura tra lo spagnolo ed il resto della squadra si faccia irreversibile, non è da escludere che il Real Madrid diminuisca le pretese sul costo, pur di liberarsi dell’oneroso ingaggio.

Luca Pradella

Seguici su Metropolitan Magazine

Adv

Related Articles

Back to top button