Cultura

Joan Mirò, la sua arte per sfuggire dalla realtà

Adv
Adv

Il 20 aprile 1893 nasce in Spagna, Joan Mirò, un artista che sarà sempre alla ricerca dell’arte in tutta la sua vita. Inizia a disegnare a soli 8 anni, ma il padre punterà fin da subito a farlo diventare notaio, mestiere al quale Mirò non si sente per nulla portato.

Inizia anche a lavorare in uno studio notarile, ma presto verrà colpito da una malattia e sarà costretto a stare a casa. Deciderà di dedicarsi totalmente all’arte. Per rimettersi si trasferirà in una fattoria, periodo questo che lo influenzerà molto anche dal punto di vista pittorico; un esempio è la sua opera ‘La Fattoria’.

Joan Mirò: la Fattoria - credit: artesplorando
Joan Mirò: la Fattoria – credit: artesplorando

La depressione e il movimento surrealista

Già all’età di 18 anni nell’artista si cominciano a manifestare episodi depressivi, la pittura l’aiuta a fuggire dalla sua grande malinconia. Il suo carattere è chiuso, introspettivo, malinconico, silenzioso e molto timido.

Nel 1924 si avvicina al movimento surrealista, momento nel quale la sua arte cambia totalmente stravolgendosi. Emblematico è il dipinto ‘Il carnevale di Arlecchino’ dove il protagonista non è un elemento reale, ma l’inconscio. Arlecchino rappresenta se stesso, triste, malnutrito e circondato dalla frenesia del momento. Mirò ha pochi soldi in quel momento ed è spesso affamato; le allucinazioni causate dalla fame lo portano a vivere stati di trance provocandogli allucinazioni.

Joan Mirò: Il carnevale di Arlecchino - credit:didatticadigitale
Joan Mirò: Il carnevale di Arlecchino – credit:didatticadigitale

L’arte dell’inconscio di Joan Mirò

Mirò nelle sue opere utilizza colori di base spenti, cupi e tristi che rispecchiano molto il suo stato d’animo; racconta la forte rabbia tramite personaggi esteticamente non belli per cercare di liberarsi dai suoi stessi incubi. Un esempio è il ciclo di dipinti ‘Disegni selvaggi’ dove l’artista cerca di esorcizzare la sua paura della morte o la serie ‘Costellazioni’.

Un quadro non finisce mai, non si comincia nemmeno. Un quadro è come il vento: qualcosa che cammina sempre senza posa

Joan Mirò: Costellazioni - credit: pitturiamo
Joan Mirò: Costellazioni – credit: pitturiamo

Ciò che l’artista voleva era che le sue opere potessero arrivare alle future generazioni come un qualcosa che ancora deve germogliare; un seme pronto a crescere.

Seguici su facebook


Adv
Adv

Related Articles

Back to top button