Calcio

Juventus-Malmö 1-0: vittoria bianconera e primato nel girone

Juventus-Malmö, gara valida per la 6a giornata del girone H della Champions League, porta ulteriori tre punti alla squadra di Allegri, che festeggia il primato nel girone, in virtù del pareggio con ilquale il Chelsea chiude la gara con lo Zenit. Così le cronaca della gara.

Il primo tempo di Juventus-Malmö

I bianconeri ci provano subito su azione da calcio d’angolo, ma lo stacco di testa di Rugani trova Diawara pronto alla presa a terra. Al 6′ Bernardeschi può calciare in porta da buona posizione, ma il sinistro del bianconero è lento e centrale per aver fortuna. Più pericoloso è il destro di Kean, il quale dopo aver difeso un pallone dalla difesa avversaria, manca di poco lo specchio della porta del Malmö con un rasoterra dalla corta distanza.

Con la Juventus a fare la partita e gli svedesi più intenti a difendersi che a proporre giocate offensive, si arriva al 18′ minuto, nel quale Kean, di testa, batte difesa e portiere in uscita, per il vantaggio dei suoi, sfruttando in modo vincente un bel cross dalla trequarti destra operato da Bernardeschi.

La sfida riserva poche emozioni, al 35′ arriva la prima conclusione in porta degli svedesi, ma l’esito di un destro da fuori area di Innocent è da dimenticare. Il Malmö ci prende gusto, ma un tiro di Nielsen dal limite dell’area al 42′, è ben murato dalla difesa bianconera.

Proprio nei secondi finali della prima parte di gara, Arthur manca di un nulla il raddoppio per la Juventus, che può comunque rallegrarsi per le notizie che intanto arrivano da San Pietroburgo: Zenit-Chelsea 2-1.

Il secondo tempo

A inizio ripresa Allegri inserisce Morata al posto di Dybala, mentre in campo la sfida si fa un po’ più spigolosa, anche se non si modifica un granché il lait-motiv complessivo dell’incontro.

Al 57′ Bentancur, sugli sviluppi di un angolo, cerca la porta del Malmö, ma il suo destro è impreciso: palla alta sulla traversa. Subiti dopo di lui Rabiot, dalla sinistra, prova a sorprendere Diawara, ma il pallone si ferma sull’esterno della rete.

La formazione ospite alza il proprio il baricentro, Colak arriva a calciare in porta dal limite dell’area juventina al 61′, ma salvo mandare ko Bonucci colpito al viso dal pallone, l’attaccante del Malmö non ottiene altro.

Lo stesso numero 9 della squadra svedese, tuttavia, ci riprova poco dopo, il suo tiro è forte ma centrale e Perin può bloccare il pallone agevolmente. Ben più pericoloso è il colpo di Kean dalla corta distanza al 66′, che tuttavia trova Diawara al posto giusto al momento giusto.

A 8 minuti dalla fine Kean ha l’occasione per il raddoppio, ma Diawara con un piede “miracoloso”, devia il pallone in corner, calciato dal bianconero dalla cortissima distanza.

Cuadrado spreca sul finire da ottima posizione, poi il finale. La Juventus passa il turno e lo fa da prima in classifica, approfittando dello scivolone esterno del Chelsea sul campo dello Zenit.

Il tabellino di Juventus-Malmö

Marcatori: 18′ Kean (J)

Juventus (3-5-2): Perin; De Winter (72′ De Sciglio), Bonucci, Rugani; Bernardeschi (81′ Cuadrado), Bentancur (90′ Miretti), Arthur, Rabiot, Alex Sandro; Dybala (46′ Morata), Kean (90′ Da Graca). A disp.: Szczesny, Pinsoglio, Chiellini, de Ligt, Locatelli. All.: M. Allegri

Malmö (4-4-2): Diawara; Moisander, Ahmedhodzic, Nielsen, Olsson; Blerget, Christiansen, Innocent (90′ Nalic), Rakip (30′ Pena); Birmancevic, Colak (78′ Abubakari). A disp.: Ellborg, Dahlin, Larsson, Gwargis, Brorsson, Nanasi. All.: J.D. Tomasson

Arbitro: I. Peljto Ammoniti: Colak (M), Innocent (M), Pena (M), Rabiot (J)

Autore: Adriano Fiorini

Articolo precedente

Seguici su:

Pagina Facebook Il calcio di Metropolitan

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter Ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Champions League

(Photo credit: Juventus)

Link foto: https://www.facebook.com/Juventusfcita/photos/a.529531570426983/4825445624168868/

Adriano Fiorini

"Lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfarne, la difficoltà per vincerla." (cit. Pierre De Coubertin). C'è allora qualcosa di più divertente da raccontare?
Back to top button