Calcio

Juventus-Verona 2-0: bene i bianconeri con Vlahovic e Zakaria

Juventus-Verona, nella 24a giornata del campionato di Serie A 21-22, riserva tre punti per gli uomini di Allegri, ch si prendono i tre punti grazie alle reti di Vlahovic nel primo tempo e Zagaria nella ripresa. Così le cronaca della gara dell’Allianz Stadium.

Il primo tempo di Juventus-Verona

La prima occasione è di marca bianconera, con Vlahovic che al 6′ prova a sorprendere l’estremo difensore gialloblu con una conclusione di sinistro dal limite dell’area, ma Montipò respinge il pallone al meglio con una parata bassa. Sette minuti più tardi, però, Dybala, dopo un errore di Casale, innesca Vlahovic, che a tu per tu con l’estremo difensore scaligero, firma un pallonetto letale, che porta in vantaggio i bianconeri.

La rete subita spinge gli ospiti a scoprirsi un po’ di più alla ricerca del pareggio, ma gli uomini di Tudor faticano a rendersi davvero pericolosi dalle parti di Szczesny. Giunti al 28′, Morata dialoga con Vlahovic, che entra in area e, dopo un contatto con Gunter, finisce a terra. Dopo il consulto del VAR, però, non viene concesso il penalty.

Poco dopo il Verona ci prova con Lazovic da fuori area, sugli sviluppi di un corner, ma il pallone vola alto in curva. La Juventus potrebbe raddoppiare al 38′ ancora con Vlahovic, ma il numero 7 bianconero manca di un nulla la sua personale doppietta, dopo un ottimo suggerimento dalla sinistra operato da Morata servito da Dybala.

A due minuti dalla fine, Lazovic può tornare a colpire verso la porta juventina, ma il suo tiro di destro dalla media distanza, diventa una “svirgolata” da dimenticare.

Il secondo tempo

Il primo brivido della rirpesa lo offre al 48′ un tiro da posizione defilata di Lasagna, che Szczesny, tuttavia, riesce a deviare in angolo con i piedi. Due minuti più tardi, un cross velenoso di Lazovic non sorprende il portiere bianconero, che allontana il pericolo schiaffeggiando il pallone.

Il Verona appare più lucido e al 58′ tenta la via del gol con un tiro da fuori area di Tameze: bella l’idea, pessima l’esecuzione. Tre minuti più tardi, tuttavia, i bianconeri centrano il raddoppio con Zakaria, assistito nella circostanza da un ottimo filtrante rasoterra firmato da Morata.

Poco dopo Danilo dialoga nell’area avversaria con Dybala, che prova la battuta vincente da posizione defilata, ma l’argentino non è fortunato. Al 69′, invece, Rabiot prova a fare un po’ tutto da solo, calciando in porta dalla lunga distanza, ma Montipò fa ottima guardia e si salva in corner.

Dieci minuti più avanti Cuadrado, dalla corsia mancina, cerca Vlahovic al centro dell’area scaligera, ma l’attaccante bianconero non trova l’impatto con il pallone.

Sul finale Praszelik prova a sorprendere Szczesny da fuori area, ma il suo tiro è deviato in corner dalla difesa avversaria. Proprio al 90′ di Juventus-Verona, McKennie chiama in causa Montipò con una bella conclusione, che il portiere gialloblu riesce a neutralizzare salvandosi con una deviazione sul fondo.

Autore: Adriano Fiorini

Articolo precedente

Seguici su:

Pagina Facebook Il calcio di Metropolitan

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter Ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Serie A

(Photo credit: Juventus)

Adriano Fiorini

"Lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfarne, la difficoltà per vincerla." (cit. Pierre De Coubertin). C'è allora qualcosa di più divertente da raccontare?
Back to top button