Moda

Kris Van Assche lascia la carica di direttore creativo di Berluti

E’ ormai ufficiale, Kris Van Assche lascia la carica di direttore creativo della Maison Berluti. La partenza dello stilista avviene proprio quando la maison è diventata l’ultimo marchio ad allontanarsi dal classico programma delle passerelle parigine.

Al momento non c’è stato l’annuncio di nessun successore per la carica di direttore creativo, quindi non sappiamo chi e se qualcuno prenderà il suo posto.

Kris Van Assche e la sua storia in Berluti

Lo stilista approdò in Berluti nel 2018, prendendo il posto di Haider Ackermann, che è durato a malapena due stagioni e che a sua volta era succeduto ad Alessandro Sartori, il creatore di moda italiano che ha lanciato l’attività prêt-à-porter del marchio.

Il curriculum di Van Assche è di tutto rispetto, ha diretto per 11 anni la divisione di abbigliamento maschile di Dior. Ma inizia da Yves Saint Laurent, come primo assistente del designer francese, e poi da Dior, prima di prenderne in mano le redini quando Slimane lasciò l’azienda nel 2007.

KrKris Van Assche lascia Berruti - credit: the business of fashion
KrKris Van Assche lascia Berruti – credit: the business of fashion

L’addio tramite il suo profilo instagram

“Reinventare e rimodellare il dna del marchio, la sua storia e la tradizione, l’artigianato e il lusso in modo contemporaneo e creativo è stata sicuramente una sfida, e tutte le limitazioni e le restrizioni che ruotano intorno al covid non hanno aiutato. Dopo 3 anni da Berluti, annuncio la mia partenza dal marchio come direttore creativo. Questi 3 anni da Berluti sono stati estremamente intensi.”

Seguici su facebook

a cura di Donatella Gazzè

Back to top button