17.4 C
Roma
Maggio 17, 2021, lunedì

La Nasa sceglie SpaceX per portare la prima donna sulla Luna

- Advertisement -

La Nasa ha scelto la SpaceX per portare la prima donna e il prossimo uomo sulla Luna. Ha infatti affidato all’azienda di Elon Musk il progetto da 2,8 miliardi di dollari, destinato a portare il primo veicolo commerciale sul suolo lunare (lander). Il contratto è stato firmato nell’ambito del programma Artemis, che punta al ritorno alla Luna per il 2024. L’arrivo della prima donna, osserva la Nasa, sarà solo il primo passo verso un cambiamento che prevede di portare presto sulla superficie del nostro satellite anche la prima persona di colore.

Il programma Artemis prevede che a portare quattro astronauti nell’orbita lunare sarà il nuovo grande lanciatore della Nasa, lo Space Launch System (Sls) sul quale sarà integrata la capsula Orion. Una volta in orbita intorno alla Luna, due degli astronauti lasceranno Orion per trasferirsi nel lander della SpaceX, lo Human Landing System (Hls) che dopo oltre mezzo secolo dall’ultima missione del programma Apollo porterà di nuovo un essere umano sul suolo lunare. Secondo i piani della Nasa questa prima missione prevede che gli astronauti restino sulla Luna per una settimana, dopodiché il lander li riporterà a bordo di Orion, dove raggiungeranno i colleghi per tornare sulla Terra.

La Nasa ha deciso: nel 2024 si torna sulla Luna. Un passo simbolico che punta a sottolineare le rinnovate ambizioni spaziali a stelle e strisce. Ma anche, e soprattutto, l’occasione per testare tecnologie e personale prima di lanciarsi all’esplorazione dello spazio aperto, alla volta (ovviamente) di Marte. Non a caso, una delle principali novità riguarderà proprio l’equipaggio della prima missione lunare degli ultimi 45 anni. Questa volta, infatti, tra le orme che verranno lasciate sul polveroso suolo del nostro satellite ce ne sarà una inedita: quella di un piede femminile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
Alessia Spensieratohttps://metropolitanmagazine.it
Alessia Spensierato, Editore (Owner & Founder) della testata giornalistica di Metropolitan Magazine. La scrittura è la sua più grande passione, ha scritto il suo primo libro"Il silenzio in un caffè" pubblicato nel 2013 tra i top ten e-book dei più venduti nello stesso anno. Nel 2014 si cimenta nella scrittura del suo secondo "One Way", ex speaker radiofonica. Il mondo del Web l'ha sempre affascinata e oggi ha cercato di unire le sue più grandi passioni creando Metropolitan Magazine. Metropolitan Magazine oggi è una testata nota sia a Roma che in Italia. Non utilizza nessun aggettivo per definirsi, per lei esistono solo parole "nuove" che nessuno sa. "Il mondo è di chi lo disegna ogni giorno in modo diverso, a volte anche senza matite."
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -