Sport

La ricca Free Agency 2020 di NFL

Tanta attesa per l’avvio della Free Agency 2020, quest’anno più che mai ricca di opportunità e grandi campioni.

Grandi occasioni

La free agency è il primo periodo dell’off season disponibile per le franchigie di NFL per rafforzare la propria rosa, firmando giocatori attualmente senza contratto. Al termine del precedente accordo, un giocatore si definisce “free agent” e potrà valutare le offerte che arriveranno. La free agency 2020 si prospetta ricca di emozioni, essendo alcuni top player in scadenza. Le squadre non potranno avviare alcuna trattativa con i giocatori prima del 16 marzo, e solamente due giorni dopo potranno firmare i nuovi contratti. Come mostra la classifica dei migliori free agent di quest’anno stilata da nfl.com, la lista dei desideri è ricca di grandi campioni.

Da Prescott agli snobbati Brees e Brady

Dak Prescott è sicuramente la punta di diamante dei free agent 2020. Scaduto il contatto da rookie che lo legava ai Dallas Cowboys, Prescott guadagnerà cifre ben più elevate. Difficilmente la squadra del Texas vorrà privarsi di lui per la prossima stagione, ma potrebbe aprirsi una corsa per aggiudicarsi il quarterback da Mississippi State. Oltre a Prescott, la top 3 dei free agent è composta da Chris Jones e Amari Cooper. Il defensive tackle di Kansas City e il wide receiver dei Cowboys fanno gola a tantissime franchigie, e l’opzione di un cambio di casacca non appare utopia. Per capire realmente l’abbondanza di opportunità nella free agency di quest’anno, basti pensare alla presenza di Tom Brady e di Drew Brees. Due tra i quarterback che hanno fatto la storia di questo sport, sono stati entrambi al centro di voci che parlavano di un possibile ritiro. I due firmeranno un contratto molto probabilmente a breve termine, e senza clamorosi colpi di scena con le stesse uniformi. Nonostante il grande fascino dell’operazione, una soluzione a breve termine, come nel caso di Brees e Brady, non andrebbe a genio alle franchigie che ricercano un QB.

Foto in copertina: Beacher Report

Seguici su Metropolitan Magazine Italia

Back to top button